Gabriele Gravina è il nuovo presidente della FIGC. L’imprenditore pugliese è stato eletto con il 97,20%.

ROMA – La FIGC riparte da Gabriele Gravina. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi che parlavano di un accordo trovato, la certezza la si ha dopo le votazioni del 22 ottobre 2018. L’ex presidente della Serie C è stato eletto nuovo numero uno del calcio italiano con il 97,20%.

Una percentuale che non lascia dubbi. Tante le riforme da fare con il nuovo presidente che non avrà sicuramente un compito facile. Dalla Giustizia Sportiva al calcio femminile passando per altri punti del progetto che dovrebbero consentire al calcio italiano di ritornare ai livelli che competono. Non si dovrebbe toccare il c.t. della Nazionale. In passato Gravina ha confermato più volte il commissario tecnico Mancini che siederà sulla panchina azzurra almeno fino al 2020.

Gabriele Gravina
Gabriele Gravina (fonte foto https://twitter.com/gagravina/media)

FIGC, Gravina presidente: “Il progetto è ambizioso. Speriamo di riuscire a realizzarlo in poco tempo”

Tante cose da fare in poco tempo ma Gabriele Gravina è fiducioso sul raggiungimento degli obiettivi: “Noi – dichiara nella conferenza stampa dopo l’elezione – siamo pronti per lavorare e lo abbiamo detto già in precedenza. La formazione è al completo e tutti sono pronti a dare una mano al calcio italiano, sapendo che ci aspetta un compito non semplice. Affronteremo tutto con serenità ma anche sapendo di avere una responsabilità che ci mette in costante valutazione. Appassionati, tesserati, tifosi e dirigenti si aspettano delle risposte da noi che dovremo dare in poco tempo. Le idee ci sono e metteremo tutta la buona volontà per realizzarle“.

Gabriele Gravina è ufficialmente il nuovo presidente della FIGC con l’obiettivo di rilanciare il calcio italiano nel mondo. E le prime riforme devono essere immediate per provare a mettere una parole fine alle polemiche degli ultimi giorni.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 22-10-2018


Inter, dopo Nainggolan altri due giocatori a rischio per Barcellona

Derby, la Curva Sud attacca: “Vergogna, giocatori e chi li manda in campo”