Graziano Delrio è nato a Reggio Emilia il 27 aprile 1960. Sindaco della città per 9 anni, ha fatto parte di tre compagini governative.

Il 27 aprile 1960 nasce Graziano Delrio a Reggio Emilia, figlio di un imprenditore edile. Di famiglia comunista, cresce comunque in parrocchia, facendosi coinvolgere dagli insegnamenti di don Giuseppe Dossetti, nipote dell’omonimo politico democristiano.

Formazione e vita privata

Dopo aver frequentato il Liceo Scientifico a Reggio Emilia si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Modena, specializzandosi in endocrinologia. A ventidue anni si sposa con Annamaria, incinta del loro primo figlio, Emanuele, il primo di nove.

Sindaco di Reggio Emilia

Dopo essere entrato a far parte della Margherita, nel 2004 si candida come sindaco di Reggio Emilia: alle elezioni comunali del 12 e 13 giugno viene eletto primo cittadino, ottenendo al primo turno il 63.2% delle preferenze.
Entrato nel Partito Democratico, viene riconfermato alla guida di Reggio Emilia anche in occasione delle amministrative successive, quelle del giugno del 2009, con il 52.5% dei voti ottenuti al primo turno. Il 5 ottobre 2011 è eletto per acclamazione Presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI).

Graziano Delrio ministro

Il 28 aprile del 2013 viene nominato Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali nel governo di Enrico Letta. A giugno Delrio diventa anche Ministro dello sport, delega che in precedenza spettava alla dimissionaria Josefa Idem.

Sottosegretario con Renzi

In autunno, in occasioni delle primarie per il Partito Democratico, si spende in prima persona a favore di Matteo Renzi, divenendo suo consigliere di fiduci. Con le dimissioni di Letta e proprio Renzi nominato nuovo capo del governo, Delrio nel febbraio del 2014 viene scelto come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri.
Il 2 aprile 2015 è nominato Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti in seguito alle dimissioni di Maurizio Lupi. Il 12 dicembre viene riconfermato alla guida del ministero per il Governo Gentiloni.


Fiaccolata di Fratelli d’Italia davanti a Palazzo Chigi per l’abolizione del coprifuoco

Recovery plan, cosa c’è e cosa manca nel piano Draghi