Grecia-Italia, la conferenza stampa di Roberto Mancini

La conferenza stampa di Roberto Mancini alla vigilia di Grecia-Italia: “Non ho ancora deciso la formazione. Vedremo”.

ATENE (GRECIA) – Conferenza stampa di vigilia per Roberto Mancini che ha presentato la sfida contro la Grecia: “Non sappiamo ancora – esordisce il commissario tecnico dell’Italia – come giocherà. Nelle ultime due partite hanno adottato due moduli diverse. Noi dobbiamo lavorare su un certo tipo di mentalità anche se sappiamo che affronteremo una squadra molto ostica da affrontare. Negli ultimi tempi hanno cambiato molto e per questo hanno bisogno di tempo“.

Sulla rosa – “I ragazzi sono tutti esperti. Abbiamo le idee chiare e per questo abbiamo convocato qualche giovane che ha giocato poco in Europa. Possiamo dimostrare che il nostro percorso di crescita sta continuando. Formazione? Non ho ancora deciso. Qualcuno non sarà in panchina degli attaccanti perché ne abbiamo cinque ma in tre partite tutto può succedere“.

Sulla mentalità – “E’ buona dal primo giorno. Arriviamo da un momento difficile ma siamo l’Italia. Per noi non è semplice avere 30 giocatori intercambiabili ma se ne cambiano due o tre i risultati dovrebbero essere sempre gli stessi. L’importante è avere la voglia di vincere sempre“.

Sull’ultimo Mondiale – “L’Italia non può permettersi di saltare queste competizioni. E’ accaduto e non deve succedere più. Questa può essere una motivazione maggiore per noi“.

Roberto Mancini
fonte foto https://twitter.com/FIGC

Grecia-Italia, la conferenza stampa di Giorgio Chiellini

Al fianco di Roberto Mancini c’era Giorgio Chiellini: “In questi ultimi giorni abbiamo cercato un gioco propositivo senza mai tralasciare l’equilibrio. Il mister questo lo chiesto fin da subito perché se la palla è in nostro possesso, vuol dire che gli altri devono difendere. Cerchiamo un aiuto da tutti. Non è facile continuare a fare passi avanti ma non possiamo permetterci errori. Domani con la Grecia ci aspetta una partita complicata anche dal punto di vista ambientale“.

Sulla squadra ellenica – “Loro sono una squadra molto ostica. Dietro hanno una coppia di centrali che conosciamo tutti ma hanno anche due giocatori che militano nel Benfica e il capitano Fourtounis, che è di livello internazionale. Ci aspetta un ambiente caldo e io qui ho sempre fatto tanta fatica. Mai abbassare la guardia“.

ultimo aggiornamento: 07-06-2019

X