Guatemala, eruzione del vulcano del Fuego: più di venti i morti, migliaia le persone sfollate a causa della cenere bollente.

GUATEMALA CITY – È salito a venticinque il numero delle persone rimaste uccise dall’eruzione del Vulcano del Fuego, situato a pochi chilometri da Guatemala City, capitale del Guatemala appunto.

Le autorità hanno provveduto a evacuare i villaggi situati nei pressi del vulcano mobilitando di fatto più di tremila persone messe a rischio dalla pioggia di detriti e dalla cenere che rende l’aria irrespirabile.

Di seguito il video che mostra la macchina dei soccorsi e la pioggia di cenere che ha investito i villaggi e le città:

Erupción del Volcán de Fuego en Guatemala

¡Terror en Guatemala! Más de 25 muertos, decenas de heridos y 1.7 millones de afectados por la erupción del volcán de fuego. CIENTOS DE DESAPARECIDOS – Caleb Ordóñez Talavera

Pubblicato da Caleb Ordóñez Talavera su Domenica 3 giugno 2018

Eruzione in Guatemala, le ceneri del Vulcano del Fuego cadute a chilometri di distanza

La cenere ha ricoperto i villaggi più vicini al luogo dell’eruzione del vulcano ed è arrivata fino a Guatemala City, situata a 44 chilometri dal luogo dell’esplosione.

Chiuso anche l’aeroporto della capitale a causa della scarsa visibilità.

Il vulcano del fFuego risulta essere uno dei più attivi di tutto il centro America e nel 2018 è già arrivato a due eruzioni.

Secondo quanto riferito dagli esperti, l’ultima eruzione del Vulcano del Fuoco sarebbe la più grande avvenuta in Guatemala negli ultimi quarant’anni.

Le prime ricostruzioni da parte degli esperti, la lava avrebbe rotto gli argini di uno dei canali in cui stava scorrendo. Il flusso di lava e detriti avrebbe poi sommerso i villaggi vicini causando la morte di venticinque persone e ferendone, stando ai primi dati, almeno altre venti.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
eruzione esteri evidenza guatemala vulcano

ultimo aggiornamento: 04-06-2018


Migranti, strage di innocenti al largo della Tunisia

Francia, indagato il braccio destro di Macron per conflitto d’interessi e corruzione passiva