Guerra aperta tra Conte e Calenda: le dure parole del leader di Azione
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Guerra aperta tra Conte e Calenda: le dure parole del leader di Azione

Carlo Calenda

Da alleanze improbabili a scambi di accuse: l’aspra battaglia verbale tra Conte e Calenda.

La politica italiana è teatro di un nuovo capitolo di tensioni e scambi di accuse, questa volta protagoniste sono due figure di spicco: Giuseppe Conte, ex premier e leader del Movimento 5 Stelle, e Carlo Calenda, a capo di Azione.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Le dichiarazioni incrociate tra i due politici mettono in luce un profondo disaccordo su temi chiave e visioni per il futuro del paese.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

L’apertura di Calenda: la risposta di Conte

Giuseppe Conte, intervenendo a Tagadà, talk show di La7, ha commentato l’apertura di Carlo Calenda a una possibile coalizione allargata.

Le parole di Conte suonano caute ma aperte a valutazioni future: “Calenda dichiara molto spesso, va preso nell’orario giusto, valuteremo i comportamenti concreti. Il suo è un cambiamento nella giusta direzione”.

Questa dichiarazione sembra aprire a una potenziale collaborazione, segnando un momento di riflessione sulla necessità di unire forze in vista delle sfide politiche imminenti.

L’attacco del leader di Azione al M5s

Tuttavia, la risposta di Carlo Calenda non si è fatta attendere ed è stata tutt’altro che conciliante. Il leader di Azione ha espresso una critica feroce nei confronti di Conte e del Movimento 5 Stelle, accusandoli di populismo, incapacità e trasformismo.

Non sosteniamo ne sosterremo candidati del M5S. Se casualmente al movimento 5 stelle capita di sostenere un candidato civico capace, come in Abruzzo, nulla quaestio. Per il resto tenetevi campo largo, campo giusto e il campo russo”, ha dichiarato Calenda, chiudendo ogni porta a possibili alleanze con il Movimento 5 Stelle.

Queste parole segnano un punto di non ritorno nell’interazione tra i due leader, ponendo le basi per uno scontro politico che va ben oltre la questione della coalizione allargata. Il dibattito tra Conte e Calenda evidenzia non solo divergenze strategiche ma anche profonde differenze nella visione di come affrontare le problematiche italiane.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 1 Marzo 2024 14:54

Salvini gela tutti: “Se mio figlio gridasse ‘sbirro infame’…”

nl pixel