Guerra dei Dazi, la Cina reagisce agli Usa e annuncia nuove contromisure

La guerra dei dazi agita l’Unione europea e le borse. La Cina annuncia nuove misure contro prodotti statunitensi, Apple perde quasi il sei per cento.

Continua la guerra dei Dazi, con la Cina che ha deciso di rispondere agli Usa annunciando dazi maggiorati per un totale di 60 miliardi di dollari su alcuni prodotti americani.

Guerra dei Dazi, le contromisure della Cina di fronte all’aumento imposto da Donald Trump

I dazi annunciati dalla Cina saranno validi dal prossimo mese di giugno e rappresentano la prima reazione ufficiale di Pechino di fronte alla decisione di Donald Trump di alzare i dazi dal 10 al 25% su alcuni prodotti provenienti dalla Cina.

Donald Trump
Donald Trump

La Cina spera di convincere gli Stati Uniti a tornare al tavolo delle trattative

Quella della Cina è evidentemente una mossa per provare a convincere gli States a tornare al tavolo delle trattative con la voglia e il desiderio di abbandonare la politica proibizionista promossa da Donald Trump, il quale aveva fatto sapere che proprie le barriere alle dogane avevano portato ottimi risultati nell’economia americana.

Guerra dei dazi, le ripercussioni in Borsa: crolla Apple a Wall Street

Il nuovo capitolo della guerra dei dazi ha ovviamente ripercussioni anche in Borsa, con Apple che crolla a Wall Street, dove ha fatto registrare il -5,62%. Sul crollo della società pesano anche le accuse di aver usato la propria posizione egemone per gonfiare i prezzi delle applicazioni sullo store.

Il conflitto commerciale preoccupa ovviamente anche l’Unione europea, che sta subendo le ripercussioni dello scontro tra le due superpotenze economiche.

ultimo aggiornamento: 14-05-2019

X