Manifestazione dei pastori sardi prosegue anche nel giorno delle elezioni

Elezioni in Sardegna, non si ferma la protesta dei pastori: assalto armato a una cisterna

Guerra del Latte, la protesta dei pastori sardi non si ferma nel giorno delle elezioni. Assalto armato a una cisterna in provincia di Nuoro.

Non si placa la protesta dei pastori neanche nel giorno delle elezioni regionali, evento tenuto sotto stretta osservazione da parte delle autorità locali che temono incidenti nei pressi dei seggi elettorali. Nei giorni che hanno preceduto il voto, i pastori sardi, ormai in protesta da più di due settimane, avevano fatto sapere che avrebbero continuato a manifestare. E così è stato.

Manifestazione Sardegna
fonte foto https://twitter.com/ugocappellacci

Guerra del Latte, prosegue la protesta dei pastori sardi anche nel giorno delle elezioni regionali. Assalto a una cisterna in provincia di Nuoro

Nella mattinata del 24 febbraio a Orune, in provincia di Nuoro, due uomini armati hanno assaltato una cisterna che trasportava latte, destinato al caseificio dei fratelli Pinna, situato in provincia di Cagliari. I due uomini, stando alle ricostruzioni, avrebbero costretto il conducente dell’autocisterna a fermare il veicolo e a versare il latte in strada. Compiuta la missione di sabotaggio i due si sono dati alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Elezioni in Sardegna, grande dispiegamento delle forze dell’ordine

In seguito alle minacce e agli attentati minatori che hanno preceduto le elezioni regionali, le autorità hanno predisposto un massiccio dispiegamento di forze dell’ordine nei pressi dei centri ritenuti nevralgici alla luce della protesta dei pastori sardi.

Oltre all’assalto alla cisterna in provincia di Nuoro, le prime ore delle elezioni in Sardegna si sono svolte senza incidenti di rilievo degni di nota.

ultimo aggiornamento: 24-02-2019

X