GumPoint: in America Latina i chewing-gum si riciclano per farne tablet e scarpe

In America Latina è nato GumPoint, un nobile progetto di raccolta e recupero di chewing gum masticati.

chiudi

Caricamento Player...

L’inciviltà porta molti “masticatori” di chewing gum a liberarsi della cicca sputandola per terra, oppure lanciandola dal finestrino della propria auto in corsa, o semplicemente ad attaccarla a pali della luce o altro, per non fare lo sforzo di gettarla nel bidone dei rifiuti indifferenziabili.

Finora eravamo abituati (noi civili, ndr) ad avvolgere il chewing gum masticato in una carta e a buttarlo nei cassonetti della raccolta indifferenziata, ma in un futuro potrebbe non essere più così: anche i chewing-gum diventeranno rifiuti differenziabili e quindi riciclabili.

In America Latina è infatti nato un raccoglitore di chewing gum masticati, il GumPoint: si tratta di un normale bidone, ma colorato di fucsia brillante, esattamente il colore delle marche più famose di chewing-gum del mondo. Questo bidone viene posizionato nei “punti caldi” della città, quelli di passaggio più frequente.

Con i chewing-gum usati e raccolti in grandi quantità, sarà possibile realizzare prodotti tecnologici come tablet e smartphone e persino accessori come le scarpe.

I proprietari di GumPoint hanno spiegato la loro ingegnosa idea in un’intervista:

GUMPoint ha basato la sua idea originale su un vero e proprio processo di riciclaggio a circuito chiuso. I nostri cestelli, in posizione strategica, permettono di intercettare la gomma prima che raggiunga il suolo, impedendo di danneggiare l’immagine della città e di diventare fonti di contaminazione.

Si tratta di un’idea davvero brillante, oltre che green, e che consentirà non solo di avere strade più pulite e suole di scarpe non appiccicose (quando le pestiamo…), ma soprattutto di creare oggetti nuovi da materiali di recupero. A questo punto c’è da augurarsi di vedere al più presto questi GumPoint anche qui da noi… ce ne sarebbe davvero bisogno!

Fonte foto: ecodocta.files.wordpress.com