Hamas, no alla tregua: ira per uccisioni sospette da parte di Israele
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Hamas, no alla tregua: ira per uccisioni sospette da parte di Israele

Soldati esercito Israele

Si tratta per una tregua con Israele ma Hamas dice di no. Tra le ragioni alcune uccisioni di palestinesi da parte dell’esercito dell’Idf.

La guerra tra Israele e Hamas continua. Per il momento sarebbero saltate le trattative per una tregua di circa una-due settimane per consentire ai civili e agli aiuti di intervenire nella Striscia di Gaza. Tra le motivazioni anche alcune uccisioni di palestinesi da parte dell’Idf che avrebbero fomentato ulteriormente l’ira dell’organizzazione terroristica.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Soldati esercito Israele

Hamas, no alla tregua: continua la guerra con Israele

Nei quartieri della diplomazia si tratta di negoziati per la tregua tra Israele e Hamas. Però, al netto dei dialoghi, a Gaza prevalgono i bombardamenti, i raid e, purtroppo, le morti.

Nelle ultime ore sembra sia stato vano il tentativo di arrivare ad un “cessate il fuoco” di almeno una o due settimane per consentire ai civili di spostarsi e agli aiuti di intervenire. Il motivo sarebbe da ricercare anche in alcune uccisioni da parte dell’Idf ai danni di alcuni palestinesi.

Infatti, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Unhchr) ha affermato di aver ricevuto informazioni “inquietanti” secondo cui le forze armate israeliane avrebbero ucciso sommariamente almeno 11 palestinesi davanti ai loro familiari a Gaza. Un dossier dell’Unhchr è stato citato dai media internazionali. In esso viene affermato che l’episodio sarebbe avvenuto due giorni fa nel quartiere di Al Remal a Gaza City, “sulla scia di precedenti accuse riguardanti il deliberato attacco e l’uccisione di civili per mano delle forze israeliane”.

Gli ostaggi della guerra

Dalle ultime informazioni in tema ostaggi, il Corriere della Sera ha sottolineato come l’ultima settimana di novembre la tregua aveva permesso la liberazione di 110 israeliani in cambio di circa 240 prigionieri palestinesi.

Al momento a Gerusalemme è stato calcolato come il numero degli ostaggi ancora nelle mani di Hamas potrebbe essere superiore ai 125, ma non è chiaro quanti siano ancora in vita. I militanti della Jihad potrebbero averne una trentina.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 21 Dicembre 2023 8:31

Salute, la ricetta medica cartacea non ci sarà più. Prescrizioni solo digitali

nl pixel