Harry Brant è morto all’età di 24 anni. Il figlio della top model Stephanie Seymour combatteva contro la dipendenza da droghe.

LOS ANGELES (STATI UNITI) – Harry Brant è morto all’età di 24 anni. La notizia è stata data dal New York Times. Secondo quanto scritto dal quotidiano americano, il giovane sarebbe deceduto “per un’overdose accidentale da farmaci da prescrizione”.

Saremo per sempre rattristati che sia morto in questo modo devastante – si legge nella nota in una dichiarazione della famiglia – in questi 24 anni ha ottenuto molti successi, ma non avremo mai la possibilità di far vedere quanto avrebbe potuto fare“.

Chi era Harry Brant

Una carriera dedicata al mondo della moda e dell’imprenditoria per Harry Brant. Figlio della top model Stephanie Seymor, il giovane è cresciuto partecipando ad eventi mondani legati alla moda e all’arte.

Ha iniziato a sfilare sulle passerelle sin da ragazzino per poi dedicarsi al mondo dell’imprenditoria e dei social. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, è stato il primo influencer ad abbattere i confini dello stereotimo di generare sia nei cosmetici che nell’abbigliamento. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto incolmabile in questo mondo.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

Harry Brant morto

La notizia della scomparsa del modello è stata comunicata dalla famiglia attraverso le pagine del New York Times. Il decesso sarebbe avvenuto “per un’overdose accidentale da farmaci da prescrizione“.

Il suo corpo senza vita è stato trovato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 gennaio. Massimo riserbo da parte della famiglia che ha preferito salutare per l’ultima volta il 24enne in modo privato. Alla ripresa delle passerelle, non si esclude un evento per ricordare il giovane. Una vita, anche per il lavoro della madre, dedicata alla moda. Il fratello nelle prossime settimane continuerà il lavoro iniziato insieme a Brant per sponsorizzare prodotti di cosmetici e abbigliamento. Una collaborazione che ha portato a importanti successi.


Caso Expo, scatta la prescrizione per Beppe Sala: pubblicata la motivazione

Incidente Zanardi, i periti del pm: “Il Tir non ha invaso la corsia opposta”