Henri Chenot è morto all’età di 77 anni. Tra i ‘pazienti’ del guru delle diete anche Berlusconi e Maradona.

LUGANO (SVIZZERA) – Henri Chenot è morto all’età di 77 anni. Il guru delle diete si è spento in Svizzera dopo una lunga malattia. L’uomo era conosciuto per la clinica creata presso l’Hotel Palace a Milano. Struttura che ha ospitato diverse personaggi come Lucio Dalla, Maradona e Silvio Berlusconi.

Morto Henri Chenot, la nota dei figli

L’annuncio sulla scomparsa è stata data dai figli e dalla moglie sul sito ufficiale e riportata dal Corriere della Sera: “Henri era un leader creativo e un marito e padre amorevole devoto. Nella sua vita pubblica, Henri era conosciuto come un visionario. Nella sua vita privata ha amato la sua famiglia. Henri era eccezionale, e la sua straordinaria passione e talento ebbero un enorme impatto sia sulle cure preventive che su quelle di ringiovanimento; la sua intuizione sarebbe diventata l’ordine di un movimento per il benessere di fama mondiale. Siamo grati per il sostegno e la gentilezza di coloro che condividono i nostri sentimenti per Henri. Sappiamo che molti di voi piangeranno con noi e vi chiediamo di rispettare la nostra privacy durante il nostro periodo di dolore“.

Ambulanza
Ambulanza

Chi era Henri Chenot

Henri Chenot era un dietologo molto conosciuto in tutto il mondo. Nato in Francia, l’uomo si è trasferito in Italia per continuare la sua carriera lavorativa. Un profilo molto apprezzato anche dei personaggi dello spettacolo e dell’imprenditoria italiana.

Nella sua clinica dell’Hotel Palace a Merano sono stati ospiti anche Giulio Andreotti, Luciano Pavarotti, Naomi Campbell, Flavio Briatore, Zinedine Zidane, Cristiano Ronaldo, Silvio Berlusconi, Renzo Rosso, Monica Bellucci, Francesco Totti e la moglie Ilary, Irina Shyak, Lucio Dalla e Diego Armando Maradona. Una perdita che lascia un vuoto incolmabile nel mondo della dieta internazionale e non solo italiano.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
cronaca Henri Chenot

ultimo aggiornamento: 02-12-2020


Foggia, incendiata la porta della casa dell’ex capitano Gentile. Il sindaco: “Non possiamo restare in silenzio”

Pressione sull’Iran, l’esecuzione di Djalali rinviata