Dal mondo finanziario spunta il nome di Highbridge, hedge fund che fa capo a JP Morgan, quale soggetto pronto a rifinanziare il Milan. Il club rossonero ha incaricato la Bgb Weston di trovare un nuovo creditore per liquidare Elliott.

La Bgb Weston, advisor di Londra che ha sottoscritto un’esclusiva di otto settimane con il Milan, avrebbe trovato il soggetto pronto a rifinanziare il club rossonero, il quale deve far fronte a un prestito di 303 milioni ottenuti dal Fondo Elliott. Secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, il nuovo possibile creditore di via Aldo Rossi sarebbe Highbridge, hedge fund con sede a Londra e a Hong Kong e che ha una partnership strategica con JP Morgan.

Il debito con Elliott

Come detto e come noto, il Milan deve rientrare entro l’ottobre 2018 di un prestito di 303 milioni ottenuti dal Fondo Elliott a un tasso di interesse molto cospicuo: la cifra complessiva, con gli interessi, lieviterà infatti a circa 350 milioni. L’obiettivo della società meneghina – attraverso Weston e Highbridge – sarebbe rifinanziare sia il piano superiore del club (cioè la holding lussemburghese Rossoneri Sport che fa capo al cinese Yonghong Li, ndr) sia il piano inferiore, cioè il Milan.

L’interesse al mondo del calcio

Per una hedge fund come Highbridge gli investimenti nel mondo del pallone stanno assumendo una ampia rilevanza strategica. Rifinanziare – come nel caso del Milan – un debito a un interesse tra il 3 e l’8% è sicuramente più redditizio di tante altre attività.

milan

ultimo aggiornamento: 16-11-2017


Napoli-Milan, il gol di Di Canio nel ’94

Debito Milan, ecco perché si tratta con la Highbridge