Il colosso dell’e-commerce, Alibaba, ha segnato un +5,32% alla Borsa di Hong Kong. Pochi giorni fa la multa di quasi 3 miliardi di dollari per abuso di posizione dominante.

HONG KONG – Alibaba sembra non aver subito contraccolpi immediati, almeno per quanto riguarda il mercato azionario, dopo la maximulta inflittagli dall’antitrust cinese per abuso di posizione dominante.

Il titolo di Alibaba

In avvio di seduta alla Borsa di Kong Kong, infatti, il titolo del colosso dell’e-commerce fondato da Jack Ma segna un rialzo del 5,32%, a 229,60 dollari di Hk.
Il colosso ha fatturato 65 miliardi di dollari nel 2020 con un utile di quasi 13 miliardi.

Alibaba
fonte foto https://www.facebook.com/alibabagroupofficial/

La multa dell’antitrust

Come detto, poco prima del week-end, le autorità della Cina hanno comminato una multa pari a 18,2 miliardi di yen, pari a 2,78 miliardi di dollari. L’indagine investigativa dell’antitrust è nata da sospetti comportamenti monopolistici da parte del colosso creato da Jack Ma. Tra le azioni contestate a Alibaba, anche quello di forzare i venditori a firmare contratti esclusivi per prevenire che i beni venduti sulla piattaforma della società vengano venduti anche su piattaforme concorrenti.

Il sistema bancario

L’indagine era stata aperta poco dopo che il fondatore Jack Ma aveva tenuto un discorso molto critico nei confronti del governo cinese e del sistema normativo e burocratico della Cina, accusando le banche cinesi di agire come un ‘banco dei pegni’, e aveva sostenuto che l’innovazione non sarebbe stata possibile senza rischi e ampie riforme.
Ora, come si legge sul Sole 24 Ore, Alibaba sarà costretta a uniformare il suo braccio finanziario, Ant Financial, alle regole di Pechino circa la concentrazione di prestiti.


Diagnostica, DiaSorin acquista l’americana Luminex

Riscatto della laurea con lo sconto, si valuta la proroga