Hotel Rigopiano, con l’ultima operazione di soccorso è salito a ventinove il numero delle vittime

Aggiornamento 26/01 – Sono finiti i lavori di ricerca tra le macerie dell’Hotel Rigopiano. I soccorritori hanno estratto tutti i corpi. Si contano ventinove vittime e undici sopravvissuti.

18.40 – Estratto dalle macerie il corpo senza vita di una donna: il bilancio delle vittime sale a quota 16. Intanto, da quanto emerso, tra le sei vittime dell’incidente aereo avvenuto presso Campo Felice, hanno perso la vita anche due soccorritori impegnati a Rigopiano.

16.00 – Estratto dalle macerie il corpo di un uomo, la quindicesima vittima accertata della tragedia dell’Hotel Rigopiano.

08.40 – Altri tre corpi sono stati recuperati nelle ultime ore dagli uomini dei Vigili del fuoco: il bilancio delle vittime accertate sale dunque a quota 12.

È salito purtroppo a nove il numero delle vittime mentre i soccorritori continuano a scavare nella speranza di riuscire a trovare ancora qualche persona sopravvissuta alla tragedia.

AGGIORNAMENTI al 24/01

17.27 – I soccorritori hanno individuato ed estratto il corpo della settima vittima, una donna. Non sono ancora stati divulgati i dettagli.

Hotel Rigopiano – 11 sopravvissuti, 6 morti e 23 dispersi, questo è il bilancio fino a questo momento della strage che ha sconvolto l’Italia. Ritrovati vivi i tre cuccioli di pastore abruzzese.

Quelli che sono morti sono stati uccisi e quelli che ancora non rientrano sono stati sequestrati contro il loro volere perché volevano rientrare – ha attaccato il papà di Stefano Feniello, il ventottenne ancora tra i dispersi. Li hanno sequestrati. Avevano le valigie pronte. Li hanno riuniti tutti vicino al caminetto come carne da macello“.

AGGIORNAMENTO 23/01

10.02 – Francesca Bronzi, Giorgia Galassi, Vincenzo Forti e Giampaolo Matrone, sono questi i nomi degli ultimi quattro superstiti, che salgono così a quota undici, estratti a notte fonda dalle macerie dell’Hotel Rigopiano.

AGGIORNAMENTO 22/01

11.30 – Abbiamo altri segnali da sotto la neve e le macerie, stiamo verificando. Potrebbero essere persone vive, ma anche le strutture dell’albergo che si muovono sotto il peso della neve” ha dichiarato il dirigente dei vigili del fuoco Alberto Maiolo.

10.16 – Stando alle ultime informazioni, sarebbero una decina le persone tratte in salvo dai soccorritori, mentre sarebbe salito a quattro il numero delle vittime. “Non ci speravamo più” ha detto Adriana Parete agli uomini che l’hanno tratta in salvo, mentre la piccola Ludovica Parete (6) ha detto “Voglio i miei biscotti“.

AGGIORNAMENTO 21/01

21.44 – I bambini estratti sono stati portati all’ospedale di Pescara. Secondo quanto riferito dall’Ansa sarebbero in discrete condizioni di salute.

19.01 – Negli ultimi minuti i vigili del fuoco hanno estratto dalle macerie tre bambini che, secondo fonti provenienti dagli stessi vigili del fuoco, sarebbero le stesse persone individuate nelle ore precedenti.

16.40 – Dopo aver raggiunto una settima persona sotto le macerie, i soccorritori sono entrati in contatto con altre tre persone: si tratta, secondo le prime informazioni, di una donna e due bambini. 

15.31 – Secondo quanto riferito dai Vigili del Fuoco, sarebbe stato individuato un altro gruppo di superstiti. Il numero, non ancora confermato, sarebbe di cinque persone. I soccorritori stanno lavorando per raggiungere i superstiti.

AGGIORNAMENTO h 15.17 – Secondo quanto riferito dalle fonti, i superstiti sarebbero sei, con la speranza di poter trarre in salvo altre due persone ancora in vita.

Otto persone ancora vive fra quello che rimane dell’Hotel Rigopiano, a Farindola sul Gran Sasso, dopo la slavina che lo ha travolto nei giorni passati. Questo è quanto ha riportato Ansa pochi minuti fa specificando che, secondo le parole del viceministro dell’Interno Filippo Bubbico, fra di loro ci sono due bambini.

Al momento i superstiti sono ancora sotto le macerie, intrappolati sotto a un solaio, ma i vigili del fuoco e i soccorritori sono in contatto con loro da stamattina e hanno parlato più volte con loro. Sul luogo sono giunti due elicotteri della Guardia Costiera e dei Vigili del fuoco che attendono indicazioni per atterrare e prestare i primi soccorsi medici ai superstiti, nonappena questi verranno estratti dalle macerie.

Hotel Rigopiano: operazioni in corso

I soccorritori sono al lavoro da tutta la notte, alla ricerca disperata di quelle che, fino a stamattina, si pensava sarebbero state solo vittime. La speranza si è riaccesa alle 11 di questa mattina, quando i Vigili del Fuoco hanno preso contatto per la prima volta con sei superstiti.

Superstiti Rigopiano

Come riporta l’Ansa, poco fa sono state estratte vive una donna e la figlia, rimaste 43 ore sotto le macerie all’interno dell’Hotel Rigopiano. Avevano acceso un fuoco e, probabilmente, avevano qualcosa da mangiare: entrambe sembrerebbero in condizioni discrete e sono state già portate in ospedale. “Erano felicissime, senza parole”, racconta un soccorritore. Si lavora ancora per salvare altre vite.

Il ringraziamento del premier Gentiloni

Grazie alle migliaia di civili e militari che stanno lavorando per salvare le vite e ridurre i disagi. Forza e coraggio“: questo il messaggio lasciato sulla propria pagina Twitter dal premier Paolo Gentiloni.

Fonte foto copertina: facebook.com/hotelrigopiano/

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 26-01-2017


Le popolazioni terremotate in manifestazione a Roma: “La burocrazia uccide più del terremoto”

“Ruby ter”, Berlusconi di nuovo nel registro degli indagati con l’accusa di corruzione