I 10 più grandi scandali di tecnologia del 2016

Relax, tutti: 2016 è quasi finita.

chiudi

Caricamento Player...

Quello che vi raccontiamo sono i 10 più grandi scandali nel settore della tecnologia nel corso dell’ultimo anno.

ll CEO di Zenefits si dimette improvvisamente dopo che la società ha mancato le sue proiezioni delle entrate e  finisce nei guai con la legge.

Nel mese di febbraio, Zenefits ha raggiunto un punto di rottura. Il suo co-fondatore e CEO, Parker Conrad, ha improvvisamente rassegnato le dimissioni dopo le notizie che la società era cresciuta troppo in fretta e fuori controllo.

La società, che produce il software cloud-based per gestire i dipendenti, sarebbe stata accusata di vendita senza licenza in diversi stati, tra cui  Arizona, Delaware, Minnesota, New Jersey, South Carolina, Tennessee. Solo poche settimane prima, è venuto alla luce che non sarebbe in grado di raggiungere il suo obiettivo interno di $ 100 milioni di fatturato.

La società aveva un altro problema: i dipendenti spesso festeggiato  in ufficio, al punto che cigarettes, bicchieri di plastica pieno di birra, e preservativi usati sono stati trovati in una tromba delle scale.

Hulk Hogan vince nella lotta sex-tape contro Gawker.

Il wrestler – il cui vero nome è Terry Bollea – aveva citato in giudizio Gawker per la pubblicazione di una registrazione dove si sentiva un audio con lui fare sesso con la moglie di un amico nel 2012.

Un tribunale ha ordinato Gawker a pagare Bollea $ 115 milioni di risarcimento danni.

A giugno, Gawker ha presentato istanza di fallimento e si messa all’asta, in ultima analisi, si vende a Univision per $ 135 milioni nel mese di agosto. Nel mese di novembre, Gawker risolta la causa con Bollea per $ 31 milioni.

Snapchat lancia un filtro controverso in onore di Bob Marley.

Nel tentativo di onorare il cantante Bob Marley lo scorso aprile, Snapchat fatto quello che molte persone considerano un errore di cattivo gusto: il lancio di un filtro che ha dato agli utenti un tono di pelle scura e una testa piena di dreadlocks.

Scandali 2016

scandali

Una macchina di Tesla è coinvolta in un incidente fatale in modalità autopilota.

Un vettura col sistema ‘autopilot’ si è schiantata contro un tir, morto l’uomo al volante. La vittima aveva inserito il sistema di guida automatica. Le autorità hanno aperto un’inchiesta.

L’Unione Europea ordina ad Apple di pagare $ 14,5 miliardi del tasse arretrate.

Secondo la Commissione Europea, l’azienda di Cupertino avrebbe usufruito negli anni di trattamenti fiscali favorevoli da parte del governo di Dublino, cui ora deve 13 miliardi di euro.

Samsung sospende le vendite del Galaxy Note 7: la batteria prende fuoco ed esplode.

Alcuni clienti in Corea del Sud avrebbero riportato il problema alla società, che ha accertato 35 casi e quindi ritardato l’uscita mondiale del suo nuovo prodotto.

Yahoo conferma l’hacking di almeno 500 milioni di account utente.

Nel mese di settembre, Yahoo ha confermato che più di 500 milioni di credenziali dell’account utente erano stati rubati dalla rete aziendale.

I più grandi scandali di tecnologia del 2016

​​Un attacco informatico di massa mette fuori dei principali siti di tutto il Internet.

Per un giorno, un attacco informatico di massa ha continuamente eliminato l’accesso ai principali siti negli Stati Uniti e all’estero.

Twitter, Spotify, Cnn, New York Times, Financial Times, Boston Globe, The Guardian, Netflix, Airbnb, Visa, eBay e Reddit., sono solo alcune delle più importanti realtà della rete rimaste inaccessibili per ore a causa dell’attacco hacker all’infrastruttura server del web-hoster Dyn, con base nel New Hampshire. Sono stati tre gli episodi nel corso della giornata.

Nessun gruppo ha assunto la responsabilità per l’attacco.

Elezioni Usa, bufera su Facebook e Twitter: “Hanno aiutato Trump”

Dopo aver appoggiato Clinton, la Silicon Valley è travolta dalle polemiche. L’accusa è aver facilitato la diffusione di contenuti razzisti e xenofobi

Reddit: bufera sul CEO

Bufera sull’amministratore delegato di Reddit, Steve Huffman, dopo che quest’ultimo ha ammesso di aver modificato alcuni commenti in cui veniva criticato ed insultato.

Fonte articolo originale