I bilanci della Juventus iniziano a vacillare: il debito è pari a quattordici volte il capitale, vincere la Champions League è un obbligo economico.

La Juventus inizia la nuova stagione con un occhio ai bilanci. La società bianconera infatti non è ancora riuscita a smaltire l’effetto Cristiano Ronaldo e punta a vince la Champions League per mettere i conti in ordine.

Effetto Cristiano Ronaldo sui bilanci della Juventus

Nel primo anno di Cristiano Ronaldo alla Juventus, la società bianconera ha visto salire i debiti a quota 464 milioni di euro. Le cifre sono state riportate da il Sole 24 Ore che ha ripreso i dati Exor e si riferiscono al 30 giugno del 2019. E quindi non tengono conto del ricco mercato societario.

La Juve ha chiuso il 2019 con il segno meno (– 40 milioni) e questi numeri saranno ufficializzati in occasione del prossimo consiglio di amministrazione.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo

Diminuisce il capitale societario

Ma le notizie negative non sono finite. Nello stesso arco di tempo in cui il debito societario è aumentato in maniera esponenziale, il patrimonio netto è crollato. Con un debito pari a quattordici volte il capitale, torna in auge l’ipotesi di un aumento di capitale per provare a far fronte a una situazione non emergenziale ma sicuramente molto preoccupante.

Maurizio Sarri Juventus
fonte foto https://twitter.com/juventusfc

La Champions è un obbligo

Ma il tutto rientra nella scommessa Cristiano Ronaldo. La società bianconera era a conoscenza dei rischi e ha deciso di scommettere con la convinzione di poter arrivare a vincere la Champions League in due, massimo ma tre anni. Per le casse societarie sarebbe fondamentale centrare l’obiettivo quest’anno. Il rischio, se le cose non dovessero andare secondo i piani, è che la dirigenza debba iniziare a vendere iniziando a incrinare un ciclo che rischierebbe di chiudersi senza la coppa dalle grandi orecchie.


Le quattro mosse del governo Conte per sbloccare l’economia

Milan, Donnarumma è il portiere più decisivo d’Europa