I cinque gol più belli di Joe Jordan con la maglia del Milan

Il palmares in rossonero dello “Squalo” Joe Jordan è tutt’altro che invidiabile: un campionato di Serie B e una Coppa Mitropa.

chiudi

Caricamento Player...

Lo scozzese Joe Jordan ha disputato due stagioni con la maglia del Milan, dal 1981 al 1983, collezionando 66 presenze complessive tra campionato e coppe varie, impreziosite da 20 gol, molti dei quali realizzati in Serie B. Ecco la nostra personale Top Five delle sue prodezze in rossonero.

I cinque gol più belli di Joe Jordan con il Milan

Serie B 1982-1983, il Milan di mister Castagner supera 3-0 la Reggiana a San Siro. Tra i marcatori di giornata c’è anche Joe Jordan, che nella ripresa firma il raddoppio rossonero: cross dalla sinistra di Alberico “Chicco” Evani e frustata vincente dello “Squalo”, che di testa infila il portiere Eberini.

13 marzo 1983, i rossoneri strapazzano 4-0 il Monza. Al festival del gol partecipa anche Joe Jordan: assist di Oscar Damiani e destro di prima intenzione del numero nove milanista, che coglie in controtempo l’estremo difensore abbersario.

Coppa Italia 1981-82, primo turno: il Milan di Gigi Radice rifila cinque reti al Pescara di fronte al proprio pubblico. Tra i protagonisti della partita c’è Joe Jordan, autore di una doppietta. Da applausi il suo secondo gol personale: traversone dalla sinistra e inserimento del centravanti scozzese, che brucia il suo diretto marcatore e insacca con un preciso quanto potente colpo di testa.

Ottava giornata del campionato 1981-1982, i rossoneri non vanno oltre l’1-1 casalingo contro il Como. A portare in vantaggio i padroni di casa è Joe Jordan, che approfitta di un tiro sbagliato di Maldera sugli sviluppi di un corner: controllo con il destro e puntata col mancino in buca d’angolo.

Domenica 6 settembre 1981, Girone 3 di Coppa Italia: al Meazza va in scena il derby tra Inter e Milan (2-2 il risultato finale). Al minuto 49, lo “Squalo” Joe Jordan trafigge Bordon con un colpo di testa impeccabile: stacco perentorio nei pressi del dischetto dell’area nerazzurra e pallone all’angolino.