I fondatori lasciano Instagram. Tensioni con Facebook, secondo una fonte

I fondatori lasciano Instagram. “Tensioni con i vertici di Facebook”, secondo le fonti

Con un annuncio (quasi) inaspettato, i fondatori Kevin Systrom e Mike Kriege lasciano Instagram. Secondo fonti, per tensioni con i vertici di Facebook.

Nella serata di ieri, un annuncio è arrivato quasi come un fulmine a ciel sereno dal quartier generale di Instagram. Kevin Systrom e Mike Kriege, i due fondatori dell’azienda, lasciano Instagram, praticamente con effetto immediato.

Instagram abbandonato dai suoi fondatori. Convivenza impossibile con Facebook?

Il comunicato ufficiale, pur essendo un capolavoro di diplomazia in perfetto stile americano, non tralascia un po’ di polemica. A parlare è Kevin Systrom, ma per conto anche di Mike Kriege:

“…Stiamo pensando di prenderci un po’ di tempo libero per esplorare nuovamente la nostra curiosità e creatività. Costruire cose nuove richiede di fare un passo indietro, capire cosa ci ispira e abbinarlo con ciò di cui il mondo ha bisogno; questo è ciò di cui abbiamo intenzione di fare. […]

Due stoccate, nemmeno troppo velate a Facebook, rinchiuse in poche parole. Segnali di una convivenza che le fonti riportano essere tutt’altro che idilliaca.

Perché i fondatori stanno lasciando Instagram? L’indipendenza da Facebook è in pericolo, secondo alcuni

Il New York Times è stato fra i primi a riportare la notizia, ma i dettagli più interessanti arrivano poco dopo da TechCrunch, secondo il quale i fondatori avrebbero lasciato per le tensioni crescenti fra Instagram e i vertici di Facebook, soprattutto per quanto riguarda l’autonomia di Instagram.

Un capriccio fra giovani miliardari? Tutt’altro: l’indipendenza e l’autonomia di Instagram da Facebook infatti erano parte dell’accordo miliardario di acquisizione. Sei anni fa fu il più costoso mai realizzato fra compagnie Web, e prevedeva appunto anche l’indipendenza operativa della piattaforma di photoblogging più famosa della storia.

Instagram e Facebook, giochi di potere

La mossa che sembrerebbe, sempre secondo TechCrunch, aver scatenato i conflitti interni è la sostituzione del vicepresidente del prodotto. Kevin Weil, stimato membro del team di Instagram, sarebbe stato sostituito da Adam Mosseri, un uomo della cerchia più intima di Mark Zuckerberg.

Insomma, le pressioni su Instagram negli ultimi mesi si sarebbero fatte molto forti, visti anche gli scandali sulla privacy in cui Facebook è caduta a più riprese.

E, sempre secondo fonti interne, la convivenza fra Kevin Systrom e Mark Zuckerberg non è mai stata tranquilla. Una fonte interna riporta che “diverse volte all’anno litigavano prima di risolvere i problemi“.

Uno degli ultimi atti della storia è stato questo: “Di recente Mark [Zuckerberg, NdR] ha deciso di togliere tutti i link a Instagram da Facebook”.

In realtà questa specie di Guerra dei Roses sembra trascinarsi da tempo, ma i dettagli che abbiamo fornito sono sufficienti per capire il clima che si deve essere creato nei due quartier generali.

Cosa faranno i fondatori dopo Instagram? Dobbiamo aspettarci qualcosa?

Decisamente è presto per dirlo. Il timore è che Instagram, senza una guida forte, possa diventare in breve tempo un “serbatoio” di utenti per Facebook. Rimane da capire quanto queste paure siano fondate.

E poi c’è sempre l’incognita di Systrom e Kriege, un team di indubbio successo e con notevoli risorse, che potrebbe essere deciso a creare qualcosa di nuovo e rivoluzionario per fare concorrenza allo strapotere del social media.

Staremo a vedere, si prospettano tempi interessanti. Visto anche come sta proseguendo lo scambio di battute nei commenti al comunicato ufficiale.

Fonte foto copertina: https://instagram-press.com/blog/2018/09/24/statement-from-kevin-systrom-instagram-co-founder-and-ceo/

ultimo aggiornamento: 25-09-2018

X