La Procura d Agrigento non convalida il sequestro preventivo della Mare Jonio. Confermato invece il sequestro probatorio.

Si conclude con un nulla di fatto la questione legata alla Mare Jonio, con la Procura che ha deciso di non confermare il sequestro preventivo dell’imbarcazione, approdata pochi giorni fa in Sicilia dove ha fatto sbarcare le persone soccorse al largo della Libia contravvenendo alle indicazioni di Matteo Salvini.

La Procura di Agrigento non convalida il sequestro preventivo della nave Mare Jonio

I pm di Agrigento non hanno quindi confermato il sequestro preventivo della nave Mare Jonio disposto dalla Guardia di Finanza nella giornata di venerdì.

Disposto il sequestro probatorio della Mare Jonio

Confermato invece il sequestro probatorio dell’imbarcazione che consentirà alle autorità di procedere con ulteriori accertamenti sulla nave.

Duro colpo quindi a Matteo Salvini, il quale aveva assicurato che quello della Mare Jonio sarebbe stato il suo ultimo viaggio.

Il rischio è invece che la nave possa tornare nuovamente (e presto) in mare.

Mare Jonio Mediterranea migranti
Fonte foto: https://www.facebook.com/Mediterranearescue

Mediterranea Saving Humans: Siamo certi di aver rispettato il diritto, i diritti e la dignità della vita umana

Dalla Mediterranea Saving Humans hanno fatto sapere che si tratta di una decisione importante da parte della Procura in quanto il sequestro preventivo richiesto – pare – su iniziativa del Viminale, avrebbe potuto portare allo stop definitivo della nave per evitare che potesse reiterare nel reato contestato.

Come sempre noi siamo pronti a fornire ogni elemento utile per accertare la verità, certi di avere sempre rispettato il diritto e i diritti, oltre che la dignità della vita umana, al contrario di chi, da posizioni istituzionali, si rende complice della morte in mare o della cattura e della deportazione di donne uomini e bambini verso i lager di un paese in guerra come la Libia“.


L’Emilia Romagna chiede lo stato di emergenza per il meteo

Migranti, la Sea Watch fa rotta verso la Libia. Salvini: Sarà fermata con ogni mezzo