La capacità di adattamento in Borsa e sui mercati: quali sono i titoli che non soffrono quando lo spread sale. Dalla Ferrari ad Amplifon.

La crisi di governo in Italia ha riacceso i riflettori sulla situazione economica e ha riportato in auge la parola spread, che torna sulle prime pagine dei giornali più o meno a giorni alterni. Ma ci sono titoli quotati in Borsa che non soffrono se aumentano lo spread, delle vere e proprie garanzie per gli investitori.

Quali sono i titolo che non soffrono se cresce lo spread

Si tratta delle cosiddette società resilienti, che nei momenti di difficoltà arrivano a vivere addirittura il proprio momento migliore sfruttando il clima di incertezza e puntellando la propria crescita quando la situazione sul mercato torna stabile.

Per resilienza si intende la capacità ad adattarsi al cambiamento, ed è proprio quello che fanno queste società di fronte alle rapide parabole del mercato.

Ferrari
fonte foto https://www.facebook.com/Ferrari/

Tra le società che fanno registrare un andamento positivo, e che non si sono smentite in questo periodo di incertezza, troviamo Cucinelli, Ferrari, Campari, Diasorin e Amplifon.

Si tratta di grandi protagonisti del mercato. Ognuna delle aziende menzionate occupa un ruolo di primo piano nel proprio segmento di competenza. Tra queste chi brilla è sicuramente Amplifon, ma anche il Cavallino Rampante si destreggia con maestria tra gli ostacoli di un Borsa in crisi.

Ferrari in crescita

A fronte di un mercato dell’auto fermo al palo se non addirittura in piena crisi, la Ferrari ha fatto registrare un andamento decisamente positivo e caratterizzato dal segno +.

Nel secondo trimestre del 2019, la Rossa di Maranello ha consegnato più di 2.600 automobili.

Le buone notizie riguardano anche i ricavi netti, saliti a 984 milioni di euro con un aumento dell’otto per cento circa.

Nonostante il momento critico del settore, insomma, la Ferrari ha confermato gli obiettivi per il 2019.


JP Morgan cancella il debito dei clienti in Canada

Trump rinvia i dazi sul tech proveniente dalla Cina. Borsa in ripresa