Iannone sulla sentenza del Tas: “Sarà il giorno più importante della mia vita. Voglio tornare in sella”.

ROMA – La sentenza del Tas su Andrea Iannone è stata fissata per giovedì 15 ottobre 2020. “Sarà il giorno più importante della mia vita – ha commentato il pilota abruzzese ai microfoni di La Repubblicanon riesco ad immaginare un domani senza moto“.

Mi sembra tutto un incubo – ha aggiunto l’ex Ducati – dovrei di dire addio a tutto per non aver controllato da dove proveniva una stupida bistecca ordinata al ristorante? Io su di una moto ci sono salito un secondo dopo che mia madre mi ha partorito e non voglio scendere in questo modo. Fatemi uscire da questo brutto sogno“.

Iannone: “Voglio tornare”

Andrea Iannone spera di ritornare nel circus il prima possibile: “Sono certo che si chiarirà tutto il prima possibile. E tornerò, l’Aprilia mi ha sempre aspettato e la moto è pronta per me“.

Un rientro alle gare che potrebbe arrivare già in questa stagione: “Fisicamente sto bene. Non salgo più su una moto da tempo, ma corro, vado in bici, faccio palestra. E’ stato un periodo molto difficile, in cui per la testa mi è passato di tutto. Le offerte di lavoro non sono mancate, ma ho sempre detto di no perché voglio correre“.

Andrea Iannone
Andrea Iannone

Aprilia: “Noi lo aspettiamo”

L’Aprilia guarda ad Andrea Dovizioso per il futuro, anche se la precedenza si chiama Andrea Iannone: “Il pilota ha la nostra totale fiducia. Noi saremo sempre al suo fianco. Lo scorso anno col suo lavoro ci ha permesso di fare enormi progressi. Siamo sicuri che con lui possiamo continuare il nostro percorso di crescita. E la reazione avuta in questi mesi ci ha insegnato un’altra cosa: che non dobbiamo mollare mai“. Una decisione destinata a cambiare le sorti della scuderia di Noale e del pilota abruzzese.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Andrea Iannone doping motori Tas

ultimo aggiornamento: 14-10-2020


Record Hamilton, Vettel: “Schumi sarà sempre il mio eroe”

Atlantia concede esclusiva a Cdp per la cessione dell’88 per cento di Aspi