Ibrahimovic svela: “Io non volevo andare via dal Milan, io e Thigo Silva ci siamo ritrovati in un progetto a rischio

Svela le carte sul suo passato il fuoriclasse svedese Zlatan Ibrahimovic, intervenuto ai microfoni di Fox Sports. Nel corso dell’intervista l’attaccante del Manchester United ha parlato della sua partenza dal Milan e del suo arrivo al Psg: “Io non volevo lasciare il Milan. Io stavo bene. Hanno fatto un pacco con me e Thiago Silva e siamo andati a Parigi. Ci siamo trovati in un progetto a rischio, perché non sai mai come può andare“.

Era l’estate 2012 quando il Milan vantava tra le sue fila giocatori del calibro di Ibrahimovic, appunto, Thiago Silva, ma erano anche gli anni in cui Ronaldinho ballava la samba a San Siro e la faceva ballare ai difensori in giro per l’Italia, erano gli anni di un Cassano che le giocate per risolvere le partite le tirava fuori, erano gli anni in cui tra i più criticati della rosa c’era comunque uno che si chiamava Robinho, erano gli anni in cui Boateng gelava il Barcellona con gol da cineteca e Pato tagliava la difesa del Real Madrid come fosse il burro da mettere sulla fetta biscottata a colazione. Era gli anni in cui quella fetta biscottata si chiamava Champions League e l’Europa che conta era l’habitat naturale del Milan, non un sogno di mezza estate. Erano gli anni del tricolore sul petto e di due colori, il rosso e il nero, che accostati sulla casacca facevano tremare gli avversari. Erano gli anni, oggi sono solo ricordi e basta una dichiarazione di Ibra per commuoversi un po’.

milan

ultimo aggiornamento: 22-03-2017


Galliani: “Quello che faccio è sempre in sintonia con Berlusconi”

Nazionale, Immobile: “Attenti all’Albania. Io e Belotti inseparabili”