Ignazio Visco a Rai Istituzioni: “La risposta in termini di produzione, consumo e investimenti fa ben sperare”.

ROMA – Il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, ai microfoni di Rai Istituzioni ha fatto il punto sull’economia italiana e le notizie che arrivano sono sicuramente positive soprattutto in ottica futura. “Nonostante le debolezze in molti campi – ha detto il numero uno di via Nazionale riportato dall’Ansaha dimostrato di essere vitale e vediamo un’uscita da questa recessione superiore alle attese e le stime di inizio anno […]. La produzione, il consumo e gli investimenti fanno ben sperare nella ripresa in corso“.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Visco: “Il rialzo dei prezzi è temporaneo”

L’economista ha confermato che “il rialzo dei prezzi è temporaneo e, secondo le stime della Bce, dopo un aumento dell’indice dell’inflazione al 2% nel 2021, nel 2022 si scenderà al di sotto di questa soglia. L’incremento dei prezzi è dovuto specialmente all’aumento di petrolio e gas, che è già avvenuto e che si sta trasferendo nel costo dei beni che utilizziamo tutti i giorni. Non ci sono fattori che spingono verso un rialzo permanente”.

Ignazio Visco
Ignazio Visco

“Continua a sostenere le persone in difficoltà”

Visco ha invitato l’esecutivo a “continuare a sostenere le persone che sono in difficoltà, ma ora c’è bisogno di un sistema di ammortizzatori sociali più organico. Inoltre che penso che si deve migliorare o acquisire nuove competenze per fare lavori in settori innovativi“.

Le misure di sostegno pubblico – ha concluso il governatore di Bankitalia – hanno permesso al reddito disponibile di non avere una caduta uguale a quella del Pil (9%). Inoltre dopo questa forzata crescita del risparmio per le misure anti-Covid, ora gli italiani hanno la tendenza a usare quei risparmi frutto anche delle misure di sostegno per maggiori consumi e questo fa ben sperare perché su questa base si decidono gli investimenti delle imprese […]“.

ultimo aggiornamento: 24-09-2021


Landini: “Serve un progetto Paese da costruire insieme”

Condono fiscale per le cartelle sotto i 5.000 euro: come funziona e cosa bisogna sapere