Il 25 aprile a Genova

Il 25 aprile a Genova

Una folla di circa diecimila persone sfila in corteo a Genova per il 74esimo anniversario della Liberazione del 25 aprile 1945

GENOVA – Un forte ed interminabile applauso scaturisce dalla folla, le parole del partigiano Remo, al secolo Umberto Manzone arrivano direttamente al cuore dei giovani a cui si rivolge, ma non solo a loro, noi dice Remo, “non eravamo né ribelli né banditi, ma patrioti che presero la bandiera tricolore gettata nel fango dal duce e dal re, la lavarono con il sangue e la restituirono agli italiani pulita. Con la Costituzione abbiamo difeso la libertà, ora tocca a voi.”

Una folla composta accompagna il lungo corteo

Il lungo corteo che da piazza della Vittoria arriverà sotto il Ponte Monumentale

Dopo la deposizione delle corone di alloro al cimitero monumentale di Staglieno, il lungo corteo parte da piazza della Vittoria per arrivare fin sotto al Ponte Monumentale, nessun fischio, solo applausi hanno accolto la 74esima ricorrenza della Liberazione, L’Inno di Mameli ha accompagnato la cerimonia, poi l’intervento, fra gli altri di Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte Costituzionale, che ha voluto ricordare i valori fondamentali e profondi che hanno accompagnato quel periodo storico e che ancora oggi le istituzioni sono pronte a difendere.

Il Labaro della Città Metropolitana di Genova

Il sindaco Marco Bucci sottolinea come la Città Medaglia d’Oro al valor Militare, sia chiamata ancora settantaquattro anni dopo ad affrontare una nuova sfida di resistenza in seguito al crollo del Ponte Morandi e l’esempio di chi ha combattuto durante quel periodo storico non può che essere fonte di ispirazione per chi oggi deve affrontare nuove difficoltà e superarle.

ultimo aggiornamento: 25-04-2019

X