Storie di derby: Gullit e Virdis mandano l’Inter al tappeto

Il derby del 24 aprile 1988 vede il Milan surclassare l’Inter grazie alle reti di Gullit e Virdis. La vittoria lancia i rossoneri alla sfida scudetto contro il Napoli.

chiudi

Caricamento Player...

Nel campionato 1987/88, il Milan guidata da Arrigo Sacchi si mette all’inseguimento del Napoli campione d’Italia. I rossoneri puntano su una difesa granitica e sulla forza degli avanti: i nuovi Gullit e Van Basten e l’esperto Virdis. Nonostante gli sforzi, però, il Milan non riesce a agguantare Maradona e compagni. Almeno fino a primavera, quando l’undici partenopeo accusa una flessione che favorisce il recupero del Diavolo. A quattro giornata dal termine del campionato, infatti, Baresi e compagni recuperano due lunghezze ai rivali espugnando l’Olimpico (0-2 alla Roma); il Napoli perde in casa della Juventus.

La settimana del derby

Il 24 aprile 1988 il programma della 27esima giornata vede la stracittadina tra Milan e Inter mentre il Napoli è di scena a Verona. Il derby è attesissimo dai rossoneri che sentono l’odore della rimonta Scudetto. Sacchi punta su Gullit e Virdis, con Colombo, Ancelotti, Donadoni e Evani a centrocampo.

Non c’è partita…

L’approccio al match da parte dei sacchiani è dirompente: dalle parti di Zenga arrivano in massa gli attacchi del Milan, da Virdis a Gullit, da Donadoni a Colombo fino a Ancelotti che colpisce l’incrocio dei pali di testa. Al 43′ il Diavolo passa: Maldini crossa per Gullit, il quale scambia con Evani prima di lasciar partire un sinistro al fulmicotone sotto l’incrocio! L’1-0 è comunque stretto e a inizio ripresa arriva il meritato raddoppio: Virdis pressa Passarella che sbaglia il passaggio, lasciando campo libero all’attaccante sardo che salta il portiere nerazzurro e deposita in rete. L’Inter non reagisce e il Milan va vicino al tris in un derby spettacolare. Nel frattempo, dal “Bentegodi” arriva la notizia del pareggio di Galia in risposta al gol di Maradona. Rossoneri a -1, poi una settimana dopo il sorpasso al “San Paolo”…