Tra le città più popolose, non solo d’Italia, ma anche d’Europa, Milano è il cuore pulsante del nord Italia, in quanto città metropolitana, sede di industrie e imprese di portata internazionale, ma anche capitale della moda e della movida serale e notturna, nonché città d’arte, meta di turisti e visitatori da tutto il mondo.

Milano ha infatti una lunga storia, che affonda le sue radici nell’epoca romana, e che l’ha vista affermarsi e svilupparsi sempre di più nel corso dei secoli, lasciando delle tracce visibili e monumentali nel suo tessuto cittadino.

Girando infatti nel centro storico milanese, avrete infatti il privilegio di imbattervi negli antichi edifici, monumenti e resti materiali del suo glorioso passato, che in molti casi si sono perfettamente integrati nel tessuto urbano contemporaneo, diventando oggetti simbolo della sua storia, nonché preziosi contenitori o prestigiosi sfondi, per ospitare eventi, manifestazioni, esposizioni e mostre, che sono l’elemento vitale e pulsante della Milano di oggi.

Questo breve articolo intende offrire una sintetica guida, pensata per tutti coloro che hanno in programma una gita culturale nella capitale lombarda e non vogliono rinunciare a visitare i luoghi simbolo della sua storia, nonché le ultime mostre in corso a Milano, nelle loro straordinarie location.

Per gli amanti dell’arte contemporanea ci sono sicuramente due tappe obbligate: l’HangarBicocca e il MAXXI. Due strutture molto diverse ma con la stessa vocazione, che ospitano mostre e esposizioni di arte contemporanea, frutto dell’ingegno e dell’estro creativo di artisti di fama internazionale, che spesso e volentieri le scelgono come sedi delle loro prime esposizioni su suolo italiano.

L’HangarBicocca è una struttura molto particolare e proprio per questo è degna di essere visitata: un tempo un comprensorio industriale del Gruppo Pirelli, nel 2012 è stata riconvertita in sede espositiva, che mette a disposizione degli artisti uno spazio immenso, di oltre 15 mq, per ospitare esposizioni e mostre, nonché cantieri di sperimentazione, selezionando istallazioni, sculture, quadri, fotografie, in grado di fondersi con la sua architettura.

Per visitare il MAXXI, ossia il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, questo è un periodo particolarmente felice, perché il Museo ha recentemente aumentato gli spazi a disposizione per la sua collezione permanente e ha quindi avviato la sua Re-Evolution, riallestendo completamente le sale e congiungendole in modo armonico agli spazi esterni, con un nuovo allestimento chiamato The Place to Be, curato da Margherita Guccione e Bartolomeo Pietromarchi.

Una volta visitate le mostre più spettacolari del panorama artistico e culturale milanese, non vi resta che immergervi nel suo centro storico: seppur la sua fisionomia ha subito diverse trasformazioni nel corso del tempo, risultano ancora ben visibili e leggibili i monumenti che hanno segnato la sua storia, passata e recente.

Il primo appuntamento immancabile è con la cattedrale di Santa Maria Nascente, nota ai più come Duomo di Milano, che lascia a bocca aperta per la sua architettura verticale, di gusto gotico, che svetta e sovrasta l’omonima piazza.

Prendendo le mosse dalla Piazza del Duomo, potete imboccare la famosa galleria Vittorio Emanuele, anch’essa un esempio di architettura eclettica che fonde vetro e metallo in una geometria perfetta, per raggiungere Piazza della Scala: è qui che potete rimirare la maestosa eleganza del Teatro della Scala, da oltre 200 anni il maggiore teatro d’opera di Milano e uno dei più prestigiosi nel panorama mondiale.

Se poi più dell’opera amate lo sport, potete anzi visitare la Scala del Calcio, ossia lo Stadio Giuseppe Meazza, situato nel quartiere di San Siro, magari per assistere a un bel derby.

Continuando con le architetture a carattere religioso, vale la pena di visitare la basilica di Santa’Ambrogio, una delle più antiche di Milano, nonché di passare dal comprensorio della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, per ammirare dal vivo la bellezza di uno dei capolavori leonardeschi più famosi, il Cenacolo.

Passando alle architetture civili, meritano una visita il quattrocentesco Castello Sforzesco, con il relativo museo, e il Palazzo Reale, sede storica del governo milanese, nonché i diversi palazzi storici milanesi, che molto spesso ospitano musei e gallerie d’arte: si pensi alla Pinacoteca Ambrosiana, alla Pinacoteca di Brera e soprattutto alla Triennale di Milano. Assieme all’HangarBicocca, rappresenta uno dei maggiori centri espositivi per l’arte contemporanea, con un’attenzione al mondo del design, della moda e, recentemente, del teatro e delle arti performative: non a casa il Palazzo che la ospita prende il nome di Palazzo dell’Arte.

Terminato il giro nel centro storico e la visita dei maggiori musei, come il Civico Museo Archeologico o il recente Museo del Novecento, potete continuare a farvi corteggiare dal discreto fascino di Milano, seguendo il tracciato delle mura milanesi: partendo dai tratti romani, potete farvi accompagnare da una guida per cogliere le differenze rispetto a quelli medievali, fino a accostarvi alle cosiddette mura spagnole.

Il vostro tour culturale può quindi concludersi con una breve sosta in uno dei molti parchi, che regalano un po’ di verde alla città metropolitana, come il famoso Parco Sempione o il Parco Ravizza, prima di calarvi nell’ammaliante movida serale che anima le serate milanesi.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
arte milano Modà travel

ultimo aggiornamento: 11-05-2017


Thindown, il primo tessuto di piuma al mondo, è il grande protagonista di uno spot digital

A spasso per Central Park: cosa vedere e cosa visitare