Il futuro del Milan: avanza il fondo PIF, cosa succede
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Il futuro del Milan: avanza il fondo PIF, cosa succede

Gerry Cardinale

il futuro del Milan: incontri cruciali tra Red Bird e il fondo PIF in Arabia Saudita potrebbero segnare l’inizio di una rivoluzione.

Il mondo del calcio è in fervente attesa per ciò che potrebbe essere definito come un momento storico per il futuro del Milan. Questo weekend, in concomitanza con l’adrenalina del Gran Premio di Formula 1 in Arabia Saudita, si terranno incontri decisivi che potrebbero delineare nuove strategie e orizzonti per il celebre club rossonero. Tra i protagonisti di questo scenario di rinnovamento, troviamo la proprietà attuale, rappresentata da Red Bird e Gerry Cardinale, e il fondo d’investimento saudita PIF, pronto a giocare un ruolo cruciale nell’evoluzione della squadra.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Gerry Cardinale
Gerry Cardinale

Gli incontri strategici a Gedda

Il dialogo tra le parti non è più un segreto; al contrario, è sotto gli occhi di tutti che il futuro del Milan sia argomento caldo di questi incontri. Con la scadenza dell’esclusiva a fine mese, il fondo PIF sta esaminando attentamente i bilanci del club, conducendo una due diligence che potrebbe preludere a significative novità in termini di investimenti e partecipazione azionaria.

Verso una nuova proprietà?

Il passaggio delle quote di maggioranza rappresenta uno dei temi più delicati e attesi. Sebbene Cardinale sembri intenzionato a non accelerare i tempi, l’interesse di PIF suggerisce che le cose potrebbero evolvere rapidamente. La questione economica, con valutazioni che si aggirano intorno al miliardo e mezzo di euro, appare quasi secondaria di fronte alle strategiche decisioni future, inclusa la risoluzione della questione stadio e la gestione del debito con Elliott, da saldare entro il 2025.

Tuttavia, il vero nodo da sciogliere riguarda la possibilità per PIF di acquisire la maggioranza senza incappare nelle restrizioni UEFA relative alla multiproprietà, dato il possesso del Newcastle. La soluzione a questa intricata situazione potrebbe non solo cambiare il destino del Milan ma anche ridefinire le dinamiche di potere all’interno del calcio europeo.

Questo mese sarà decisivo per capire le direzioni future del “Diavolo”, abbracciando aspetti che vanno dalla gestione societaria fino alle scelte tecniche. Mai come ora, la rivoluzione sembra essere dietro l’angolo, pronta a trasformare il Milan in una squadra pronta a sfidare i vertici non solo italiani ma anche europei. La comunità calcistica internazionale attende con trepidazione gli esiti di questi incontri, consapevole che potrebbero essere scritti nuovi capitoli gloriosi nella storia del Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2024 18:45

Francesco Camarda: paura per il Milan, si blocca la firma

nl pixel