Il premier Conte assediato dal Centrodestra e dalle tensioni interne alla maggioranza, il governo resisterà al coronavirus?

Nel corso delle ultime settimane il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è tornato sulla graticola e alle sue spalle aleggia lo spettro di un governo di unità nazionale che possa guidare il paese fuori dalla crisi sanitaria fino alle prossime elezioni politiche.

Al momento l’ipotesi di un ribaltone sembra in realtà remota, ma lo scenario potrebbe cambiare in maniera anche radicale nel caso in cui Conte dovesse fallire la grande contrattazione europea sui coronabond.

Giuseppe Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/

Il Centrodestra contro il governo, Conte nel mirino

Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno approfittato dell’attacco di Conte in occasione dell’ormai nota conferenza stampa dei nomi. Il premier, messo alle strette sul Mes, ha attaccato il leader della Lega e la numero uno di Fratelli d’Italia nello stesso discorso nel quale ha annunciato la proroga delle misure restrittive.

È iniziata così una nuova fase della battaglia tra il governo e le opposizioni, con Lega e Fdi che hanno incalzato Conte rilanciando anche la tematica dei migranti, che nel recente passato ha spostato in maniera anche decisiva l’ago della bilancia dei consensi.

Il problema per il Centrodestra è che Forza Italia si è parzialmente ritirata dalla campagna anti-governativa indebolendo il fronte delle elezioni il prima possibile.

Matteo Salvini
Roma 28/08/2019 – consultazioni Quirinale / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Matteo Salvini

La maggioranza si divide sul Mes

Ma per Giuseppe Conte c’è anche il problema del nemico interno. Sul Mes è nata una discussione che ha spaccato il fronte Pd-Movimento 5 stelle. Dai dem è partito un appello al premier a prendere in considerazione il Meccanismo nel caso in cui fosse effettivamente incondizionato. I pentastellati sono fermi sul no ad oltranza.

La partita decisiva si gioca al tavolo europeo. Nel caso in cui Conte dovesse strappare anche un compromesso vantaggioso allora potrebbe blindare definitivamente la legislatura. Nel caso in cui il tutto dovesse risolversi con la formula del Mes soft non si escludono ribaltoni in un futuro non così distante.


Coronavirus, un mese di ritardo nella gestione dell’emergenza? Anche il governo sotto accusa

Coronavirus, Sala presenta il piano per la riapertura di Milano