Il manifesto dei sovranisti europei è nato a Bruxelles. Tra i firmatari anche Salvini e Meloni. Ora un gruppo unico al Parlamento Europeo.

BRUXELLES (BELGIO) – E’ stato firmato il manifesto dei sovranisti europei. Il documento, come scritto dal Corriere della Sera, è nato dall’incontro in Ungheria la scorsa primavera ed è diventato nero su bianco nella giornata di venerdì 2 luglio 2021.

Tra i leader europei che hanno aderito a questo progetto anche Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Con loro ci sono anche Orban, Kaczynski, Abascal e dieci forze politiche europee. Il prossimo passo sarà quello di formare un gruppo unico al Parlamento Europeo per cercare di cambiare l’Ue.

Gli obiettivi dei sovranisti

I sovranisti europei hanno cambiato i propri obiettivi. Nel documento, infatti, non c’è nessun accenno all’uscita dall’Ue ma nelle loro intenzioni c’è quella di “dare vita ad un’Europa rispettosa dei popoli e delle nazioni libere. Giudichiamo inaccettabile che i popoli siano sottomessi all’ideologia burocratica e tecnocratica di Bruxelles che impone norme in tutti gli ambiti di vita quotidiana […]“.

Si tratta di un progetto che, come detto, dovrebbe concretizzare nella nascita di un gruppo unico al Parlamento Europeo. Nelle prossime settimane saranno effettuati tutti i ragionamenti del caso per capire come proseguire insieme in un momento molto difficile anche per la pandemia.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Salvini e Meloni aderiscono al manifesto

Presenti anche Salvini e Meloni. La presenza dei due leader sembra poter portare ad una riappacificazione dopo le liti delle ultime settimane. In Italia, infatti, il Centrodestra sembra essere completamente diviso. Da una parte c’è Giorgia Meloni che ha deciso di schierarsi all’opposizione nel Governo Draghi e soprattutto ha un’idea politica differente da quella di Lega e Forza Italia per amministrative.

Dall’altra Salvini ha bisogno di un cambio di passo per non rischiare di trovarsi alle prossime politiche come secondo partito della coalizione.


M5s, chi sta con Conte e chi con Grillo

Berlusconi ‘vede’ il Quirinale