Il Milan presenta Borini: “Attaccante italiano di esperienza e sostanza”

Sul sito rossonero è apparsa la scheda di presentazione dell’ultimo acquisto della coppia scatenata Fassone-Mirabelli.

chiudi

Caricamento Player...

Come i precedenti acquisti, anche Fabio Borini ha firmato quest’oggi il proprio contratto con il Milan in diretta Facebook. Pochi minuti dopo sul sito del club è stata pubblicata la scheda del calciatore: “Fabio Borini, 26 anni, è un attaccante italiano di esperienza e sostanza. Utile e duttile, le sue caratteristiche lo rendono una preziosa risorsa per tutto il reparto offensivo. E anche un jolly per Mister Montella, vista la capacità dell’ex Sunderland di agire e incidere sia in un attacco a 2 che a 3: punta o esterno in base alle esigenze, al modulo e all’avversario. Velocità, cattiveria agonistica e buon tiro: Borini – 180 cm per 73 kg, piede destro – ha tra le sue doti principali la corsa, il sacrificio per i compagni anche in fase di non possesso e la capacità di aprire e occupare gli spazi. Tecnica e personalità gli aggiungono quella imprevedibilità che il Diavolo stava cercando“.

La carriera di Borini

Sul sito ufficiale è stata poi anche riassunta la carriera del neo attaccante milanista fin qui: “Alterna gli anni delle giovanili tra Bologna e Chelsea, dove esordisce nella Prima squadra di Carlo Ancelotti nel 2009. A marzo 2011 passa in prestito allo Swansea City, in Championship, risultando decisivo con i suoi gol nella storica promozione dei bianconeri in Premier League. Proprio il massimo campionato inglese è stata la casa del classe ’91 anche dal 2012 al 2017: dal Liverpool al Sunderland, club di provenienza, in totale 131 presenze e 20 gol. Il nostro nuovo giocatore vanta delle gare in Champions ed Europa League. In Serie A ha già giocato col Parma (2011) e poi alla Roma (2011-12): in giallorosso, in particolare, 26 presenze e 10 reti. Nell’ultima stagione ha messo a referto 24 incontri (1740′) e 2 gol. Capitolo Nazionale: nell’Europeo Under 21 ha trascinato i suoi compagni e segnato nella finalissima – persa 2-4 – contro la Spagna; nella formazione maggiore, invece, ha fatto parte della spedizione azzurra all’Europeo del 2012 e dei pre-convocati di Conte per l’edizione 2016 in Francia, non rientrando però nella lista ufficiale“.