Rifinanziamento, il Milan ha due ipotesi sul tavolo

Il club rossonero è sempre alla ricerca di una soluzione per far fronte al prestito di Elliott. Il Milan ha sul tavolo la proposta della banca Jefferies e quella della Merryll Lynch come advisor.

Il Milan continua a lavorare per trovare una soluzione al prestito di 303 milioni ricevuto dal Fondo Elliott. Il club rossonero, con Yonghong Li in testa, si è impegnato a rimborsare tutto entro ottobre 2018. Da alcuni giorni è arrivato in Italia David Han Li, braccio destro del presidente della società di via Aldo Rossi, il quale seguirà da vicino le evoluzioni. Giovedì sera, come ormai noto, si è svolta una cena alla presenza di Fassone, dei due consiglieri Cappelli e Patuano e Franco Carlo Papa, presidente del consiglio Sindacale oltre che analista finanziario, e presidente dello studio PGS consulenti (esperto in ristrutturazione del debito).

Jefferies o Merrill Lynch?

L’ad Fassone deve concludere la questione in maniera positiva prima di presentarsi alla Uefa per il settlement agreement. Al momento, come riporta il Corriere della Sera, sul tavolo ci sono principalmente due proposte: quella della Banca Jefferies e quella della Merrill Lynch. Se nel primo caso si tratta di un rifinanziamento, nel secondo caso si tratta di un ruolo da advisor (come Highbridge, ndr). In sostanza, il colosso americano si impegnerebbe a trovare a sua volta uno o più rifinanziatori.

Ricevi le ultime notizie sul Milan, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 28-01-2018

Fabio Acri

X