La Lega ha fatto male i calcoli sulla crisi di governo e il Movimento 5 Stelle ricatta Salvini con lo spettro di un’alleanza con il Pd. Di Maio è il chip leader della partita e vuole chiamare i leghisti all’all in

La crisi di governo non è ancora formalmente in atto e sembra che il punto di rottura tra le forze di maggioranza ancora non sia stato raggiunto, ma il Movimento 5 Stelle detta le regole del gioco e ricatta Salvini con lo spettro di un’alleanza con il Pd.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Le trattative tra pentastellati e dem

Il primo punto da chiarire che una trattativa politica in corso tra MoVimento e Partito democratico c’è. Secondo alcuni si starebbe già parlando della possibile squadra di governo, secondo altri gli sforzi sono tutti concentrati sul programma alla tedesca invocato da Delrio. È difficile sapere con certezza a che punto siano le discussioni, ma le aperture da una parte e dall’altra non lasciano dubbi. L’asse giallo-rosso sta provando almeno a gettare le basi per un’intesa duratura.

Nicola Zingaretti
fonte foto https://www.facebook.com/nicolazingaretti/

L’ala intransigente del M5S vuole scaricare Salvini

Ma il Movimento Cinque Stelle è diviso. Matteo Salvini è dipinto come un traditore ma il suo passo indietro, la sua apertura ai pentastellati e a Giuseppe Conte ha lasciato strascichi e ha creato fazioni. La maggioranza dei pentastellati chiede con forza di scaricare i leghisti per andare avanti con i dem. E poco importa se la macchina di Salvini punterà a gettare fango sul MoVimento, In tre anni di governo lo scetticismo può trasformarsi in consenso. Se si lavorasse nel modo giusto.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Intanto il Movimento 5 Stelle ricatta Salvini con lo spettro del Pd

La seconda fazione del Movimento 5 Stelle vuole ricattare Salvini con lo spettro di un governo con il Pd. I nomi di Zingaretti, Renzi e Boschi hanno fatto fare marcia indietro al leader della Lega. A questo punto si potrebbe provare a vedere cosa e quanto sia disposto a mettere sul piatto per evitare la crisi di governo. Se la Lega dovesse tornare dagli alleati pentastellati con atteggiamento penitente e la voglia di ridimensionarsi, allora si potrebbe chiudere un occhio e si potrebbe andare avanti con l’esecutivo giallo-verde.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Di Maio ha le carte in mano per chiudere la partita

Luigi Di Maio è il chip leader in questo momento della partita, è l’uomo che può permettersi un azzardo in più. In mano ha delle carte buone e aspetta solo che Giuseppe Conte faccia la sua chiamata al Senato per decidere come rilanciare. Se il premier dovesse scaricare la Lega, non sarà il M5S a lanciargli un salvagente. Se il presidente del Consiglio volesse andare avanti allora i pentastellati alzeranno la posta per vedere se Salvini è intenzionato a rimanere al tavolo oppure passerà la mano dopo aver fatto all in.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-08-2019


Salvini vittima della sua crisi di governo: rischia di essere messo alla porta dal Pd

La prima sconfitta di Salvini, ora il leghista cerca la pace con Di Maio. A tutti i costi