Muslim ban, il Governo degli Stati Uniti revoca il divieto

Il Governo americano ha deciso la revoca del Muslim ban, il divieto di ingresso per gli immigrati provenienti da alcuni Paesi a maggioranza islamica. L’Amministrazione Trump introduce in ogni caso ulteriori misure di sicurezza.

WASHINGTON – Per mesi ha agitato gli Stati Uniti in lungo e in largo. Uno dei primi atti adottati da Donald Trump è stato il Muslim ban, il controverso divieto di ingresso in America nei confronti degli immigrati provenienti da alcuni Paesi a maggioranza islamica. Infine, dopo un lungo scontro istituzionale, la Corte Suprema si era espressa a favore del Muslim ban lo scorso 5 dicembre.

La revoca

Poche ore fa, in maniera abbastanza inattesa, l’Amministrazione Usa ha comunicato la revoca del bando. L’annuncio è stato dato da Kirstjen Nielsen, segretaria della Homeland Security, la quale ha precisato che saranno introdotte ulteriori misure di sicurezza. La lista comprendeva Egitto, Iran, Iraq, Libia, Mali, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Siria e Yemen, oltre alla Corea del Nord, a causa della crisi con Kim Jong-un. Negli ultimi tre anni oltre il 40% dei rifugiati che sono arrivati negli Stati Unti provenivano da queste undici nazioni. L’amministrazione Trump ha ridotto a 45 mila il numero dei rifugiati accoglibili per l’anno fiscale 2018 e dallo scorso ottobre sono entrati solo 23 persone da questi paesi, grazie alla sentenza di un giudice di Seattle che aveva bloccato parzialmente il bando del presidente.

ultimo aggiornamento: 31-01-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X