Pil, nel secondo trimestre l’Italia è cresciuta come non succedeva dal 2011

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

I dati dell’Istat segnalano una ripresa economica dell’Italia robusta. Nel secondo trimestre del 2017, il Pil è cresciuto dello 0,4% rispetto al primo trimestre dell’anno mentre rispetto allo stesso periodo del 2016 la crescita è stata dell’1,5%.

La strada dell’economia italiana verso la risalita procede anche se i livelli pre-crisi rimane lontana. I dati dell’Istat evidenziano come il Pil nel secondo trimestre del 2017 siano cresciuto a livelli importanti: rispetto allo stesso periodo nel 2016, infatti, l’economia dell’Italia è cresciuta dell’1,5%; rispetto al primo trimestre del 2017 la variazione positiva è stata di quasi mezzo punto. L’aumento tendenziale è il più alto registrato negli ultimi sei anni: bisogna tornare al 2011 per trovare numeri più alti, all’epoca l’incremento rispetto all’anno precedente era stato del 2,1%. A trainare la spinta del Pil, secondo l’Istat, la crescita di industria e servizi, mentre l’agricoltura è in calo. Negli ultimi giorni, infatti, i dati sulla produzione industriale hanno segnalato una crescita a giugno dell’1,1% rispetto a maggio, numeri che in termini tendenziali avevano toccato il +5,3%. Incremento dell’1,1% nel trimestre aprile-giugno 2017 rispetto ai tre mesi precedenti, aumento del 2,2% considerato i dati del primo semestre 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016.

Numeri e confronto

L’Istituto di Statistica precisa che, in ogni caso, il valore del Pil rispetto al 2008 è inferiore di oltre sei punti percentuali. Nel primo trimestre del 2008 il prodotto interno lordo aveva raggiunto quota 424.824 milioni di euro, le ultime stime preliminari lo indicano a 397.458 milioni di euro nel secondo trimestre 2017. Nello stesso periodo, guardando all’estero, il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,6% negli Stati Uniti, dello 0,5% in Francia e dello 0,3% nel Regno Unito. In termini tendenziali, l’aumento negli Stati Uniti è stato del 2,1%, dell’1,8% in Francia, dell’1,7% nel Regno Unito.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 16-08-2017

Fabio Acri

Per favore attiva Java Script[ ? ]