Il contratto di Hamilton e la clausola Verstappen nel rinnovo con la Mercedes. L’indiscrezione sulla richiesta del campione del mondo.

Il rinnovo di Hamilton con la Mercedes continua a tenere banco nel mondo della Formula 1, e con il trascorrere dei giorni aumentano le indiscrezioni. L’ultima voce che circola sul rinnovo di Hamilton è quella sulla clausola Verstappen. Ma di cosa di tratta?

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Max Verstappen
Max Verstappen

Hamilton, le trattative per il rinnovo con la Mercedes

Partiamo dalle basi. La tanto attesa fumata bianca dovrebbe arrivare nel corso dei prossimi giorni o comunque prime dell’inizio dei test pre-campionato.

Stando a quanto riferito da F1-Insider, le parti avrebbero trovato un accordo sulla durata del contratto e sullo stipendio. Hamilton dovrebbe firmare per un anno con opzione per il secondo anno. Anche sul compenso è stata trovata l’intesa ma le cifre restano top secret. Le indiscrezioni parlano di uno stipendio da 40 milioni annui, ma si tratta di voci di corridoio. Realistiche, probabili, ma pur sempre voci di corridoio.

Una delle novità potrebbe essere rappresentata dal fatto che Lewis possa guadagnare spazi liberi sulla tuta e sul casco. Spazio che lui userebbe per sponsorizzare marchi o messaggi scelti da lui. Con ogni probabilità Hamilton non avrebbe carta bianca ma un buon margine di libertà.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

La clausola Verstappen nel contratto di Hamilton con la Mercedes

La voce che circola con insistenza è quella di una clausola Verstappen nel contratto di Lewis Hamilton. Con la clausola in questione Hamilton dovrebbe avere voce in capitolo sulla scelta del suo prossimo compagno di squadra. Perché clausola Verstappen? Perché il campione della Mercedes non vorrebbe Max Verstappen al suo fianco. Il pilota olandese è stimato da Toto Wolff e per questo un suo passaggio alla Mercedes non è ritenuto impossibile.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Negozi, bar, ristoranti e spostamenti: cosa si può fare oggi

I furbetti del cashback, sessantadue transazioni in 55 minuti in una stazione di servizio