Salvato il Salone del Mobile 2021, l’edizione si terrà a settembre. Si tratterà di un’edizione innovativa e unica, assicurano gli organizzatori.

Dopo giorni di trattative e discussioni, è arrivata la decisione sul Salone del Mobile: la manifestazione si farà e si farà a settembre, così come da programma.

I vertici del Salone, al termine di un lungo dibattito, hanno confermato che la manifestazione si svolgerà regolarmente ovviamente adeguandosi alle norme contro la diffusione del Covid e nonostante l’emergenza sanitaria. Due fattori che avevano messo in dubbio lo svolgimento della manifestazione.

Il Salone del Mobile 2021 si farà a settembre

Il Salone del Mobile si svolgerà regolarmente dal 5 al 10 settembre 2021, così come programmato. Lo svolgimento della cinquantanovesime edizione della manifestazione era in forte dubbio dopo le dimissioni del presidente.

Al termine di un lungo dibattito interno, di un intenso lavoro progettuale a cui ci siamo dedicati in queste settimane conclusosi con la totale condivisione e un voto unanime – in cui sono stati analizzati i punti di forza della manifestazione, i valori storici e simbolici, quelli attuali e prospettici, la coerenza con il programma di rilancio dell’economia del Paese sotto la guida del nuovo esecutivo, la rilevante condivisione della collettività, le aspettative sia di un pubblico professionale sia di quello generalista in Italia e nel mondo – i vertici del Salone del Mobile.Milano hanno definito i passaggi che nei prossimi giorni determineranno il percorso che porterà all’organizzazione dell’edizione di settembre“, si legge nella nota con la quale si rende noto che il Salone del Mobile si svolgerà regolarmente nonostante le restrizioni anti-Covid.

Salone del Mobile
Fonte foto: https://www.facebook.com/salonedelmobileofficial/

Un’edizione innovativa

Come specificato nella nota, quella del 2021 sarà un’edizione innovativa. Sarà varata infatti anche una nuova piattaforma digitale che sarà presentata e inaugurata già nelle prossime settimane.


Ducati sorride, bene il primo trimestre dell’anno

Via libera al decreto Proroghe. Dallo smart working ai documenti di identità, cosa prevede