Sconvolgente murales a Budapest, Ilaria Salis impiccata: la preoccupazione del padre
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Sconvolgente murales a Budapest, Ilaria Salis impiccata: la preoccupazione del padre

Suicidio, corda per impiccarsi

Il caso Ilaria Salis: a Budapest compaiono dei murales che ritraggono la donna impiccata.

Nei vicoli di Budapest, a ridosso del verde parco che abbraccia lo storico zoo, sono comparsi dei disegni che non passano inosservati: ritraggono Ilaria Salis. Questi murales, emersi quasi in risposta a una rappresentazione muraria avvenuta a Roma e ritraggono l’attivista nota per le sue posizioni antifasciste, in una luce sinistra e provocatoria.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Mentre a Roma, Salis viene dipinta come una figura di resistenza, libera dalle catene dell’oppressione, a Budapest il suo volto appare su poster che la mostrano impiccata, un chiaro messaggio di intimidazione e risposta ai simboli di libertà espressi altrove.

Suicidio, corda per impiccarsi
Suicidio, corda per impiccarsi

Ilaria Salis: i murales a Budapest

La scelta di questa immagine e la sua collocazione non sono casuali: avvenuta in concomitanza con la Giornata dell’Onore, una celebrazione neofascista non ufficialmente autorizzata, tale rappresentazione artistica si carica di un significato politico profondo.

Il messaggio veicolato attraverso l’arte di strada diventa così un potente mezzo di comunicazione e confronto ideologico, testimoniando la tensione e il dialogo in corso tra diversi fronti e ideologie in Europa.

Il caso di Ilaria Salis, arrestata in Ungheria con l’accusa di aver aggredito estremisti di destra, ha riacceso i riflettori sulla delicata questione della libertà di espressione e del diritto di protesta. Le manifestazioni a sostegno dell’attivista, sia a Roma che a Budapest, evidenziano una solidarietà transnazionale nei confronti delle lotte antifasciste e dei diritti civili.

Il padre della donna, Roberto Salis si mostra preoccupato per tale gesto: “Le immagini di Budapest si commentano da sole e confermano i timori della famiglia a seguire i consigli che ci pervengono dalle autorità italiane

Murales e manifestazioni: le reazioni delle autorità

La reazione delle autorità e della stampa ungherese, con commenti aspri e accuse rivolte a Salis e al movimento antifascista in generale, mostra una polarizzazione evidente. L’uso dell’arte e delle manifestazioni come strumenti di espressione e protesta riflette la complessità e l’intensità dei conflitti ideologici che attraversano l’Europa, evidenziando la necessità di dialogo e comprensione reciproca.

L’arte, in questo contesto, si conferma non solo come mezzo di denuncia ma anche come spazio di riflessione sulla società e sui valori di libertà e giustizia. I murales di Budapest e Roma diventano così specchio delle dinamiche sociali e politiche contemporanee, testimoniando come la cultura visiva possa influenzare e mobilitare l’opinione pubblica in contesti di lotta e resistenza.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2024 13:47

Cadavere trovato in casa: la tragica scoperta della madre

nl pixel