Due persone sono state arrestate in Sardegna perché progettavano l’ingresso in Italia di ‘pericolosi clandestini’.

CAGLIARI – Due persone sono state arrestate in Sardegna con l’accusa di aver pianificato l’ingresso in Italia di pericolosi clandestini. Il blitz, come riportato dall’Adnkronos, è stato coordinato dalla Dda di Cagliari al termine di una lunga indagine.

Nell’operazione le forze dell’ordine hanno sequestrato anche un veliero battente bandiera olandese, che molto probabilmente serviva al trasporto dei migranti nel nostro Paese. Nei prossimi giorni saranno effettuati ulteriori approfondimenti per capire se altre persone sono state coinvolte in questa associazione e se ci sono stati particolari ingressi in Italia.

Operazione contro l’immigrazione clandestina, due arresti

Due persone sono state arrestate in Italia con l’accusa di favoreggiamento all’immigrazione. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, i fermati stavano pianificando l’ingresso tramite la Sardegna di alcuni pericolosi migranti di origine maghrebina.

Un blitz effettuato dalla Guardia Costiera e che ha portato al sequestro di un veliero di 17 metri battente bandiera olandese. Si tratta di una operazione coordinata dalla Dda di Cagliari e che presto potrebbe vedere ulteriori fermi. Non è chiaro, infatti, se altre persone sono state coinvolte in questa associazione oppure se sono già arrivati migranti ‘pericolosi’ in Italia.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Migranti
Migranti

La lotta al terrorismo in Italia

La lotta al terrorismo nel nostro Paese continua senza sosta. L’attenzione si è alzata dopo le minacce arrivate dal Califfato e il blitz effettuato in Sardegna è la conferma del pugno duro che l’Italia ha deciso di applicare nei confronti di persone che favoriscono l’immigrazione clandestina.

Ora lo sguardo è rivolto principalmente all’Afghanistan. Sono diversi, infatti, i profughi che potrebbero partire da Kabul nelle prossime ore e non si esclude la possibilità dell’arrivo di qualche estremista. Per questo motivo si valuta la possibilità di effettuare dei controlli molto rigidi per evitare problemi.


I numeri dell’emergenza coronavirus, il punto della settimana

Conflitto in Afghanistan, migliaia in fuga dal Paese. L’Europa si divide sui profughi