L'impatto del freddo sull'autonomia delle auto elettriche: risultati sorprendenti
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

L’impatto del freddo sull’autonomia delle auto elettriche: risultati sorprendenti

L’impatto del freddo sull’autonomia delle auto elettriche: risultati sorprendenti

Un’analisi dettagliata su come le basse temperature influenzano le prestazioni delle auto elettriche, il test.

L’effetto del clima freddo sulle auto elettriche è una questione di grande interesse, specialmente in paesi con inverni rigidi come la Norvegia. La recente prova condotta dal Norges Automobil Forbund (NAF), l’associazione automobilistica norvegese, ha fornito dati cruciali su questo tema.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Durante i mesi invernali, con temperature che oscillano tra 0 e -10 gradi Celsius, il NAF ha testato 31 modelli di auto elettriche per valutare l’impatto del freddo sull’autonomia. Il freddo è noto per ridurre significativamente le prestazioni della batteria, un fattore cruciale per le auto a propulsione elettrica. In Norvegia, dove l’adozione di queste vetture è particolarmente elevata, comprendere la loro efficienza in condizioni climatiche avverse è essenziale.

traffico, inverno, neve, maltempo
traffico, inverno, neve, maltempo

Performance elettriche al gelo: chi regge meglio?

Il risultato più sorprendente emerge dalla Tesla Model 3 Long Range Dual Motor, che raggiunge i 521 km, superando anche auto di fascia alta come la Mercedes EQS 580 4Matic (513 km) e la BMW iX xDrive 50 (503 km). Tuttavia, analizzando la perdita di autonomia in rapporto a quella dichiarata, emergono dei veri e propri campioni di resistenza al freddo. In testa alla lista si posiziona la BYD Tang, seguita da modelli come la Tesla Model Y Long Range Dual Motor e la Porsche Taycan 4 Cross Turismo. Anche la Kia EV6 4WD e la Nio ES8 Long Range mostrano buone prestazioni.

Al contrario, alcuni modelli hanno mostrato una perdita di autonomia significativa, come la Skoda Enyaq iV80, che perde quasi un terzo dell’autonomia dichiarata, seguita da vicino dalla Peugeot E-2008 e dalla Polestar 2 Long Range, entrambe con perdite superiori al 28%.

Miglioramenti nel tempo, ma ancora strada da fare

I risultati del test del NAF evidenziano anche un’evoluzione nel tempo. Rispetto ai test precedenti, si nota un miglioramento generale. Nel test più recente, la perdita media di autonomia per le 31 auto testate è stata del 19%, un miglioramento rispetto al 25% registrato nei test precedenti, pubblicati all’inizio del 2023. Tuttavia, il NAF non considera questi risultati completamente soddisfacenti, sottolineando la necessità di ulteriori innovazioni e miglioramenti nella tecnologia delle batterie per ridurre l’impatto del freddo sulle prestazioni delle auto elettriche.

In conclusione, mentre alcune auto elettriche mostrano una resistenza eccezionale alle basse temperature, altre risentono in modo significativo del freddo. Questo test sottolinea l’importanza di considerare l’ambiente e le condizioni climatiche nell’acquisto e nell’utilizzo di veicoli elettrici, nonché l’urgenza di continuare la ricerca e lo sviluppo in questo settore in rapida evoluzione.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2023 13:27

USA cambia regole per auto elettriche: stop a incentivi per batterie cinesi

nl pixel