In Australia cipolle alle porte: ironico omaggio all’ex Premier Tony Abbott

In Australia fioccano cipolle: il motivo? Il primo ministro australiano Tony Abbott dovrà lasciare la guida del Paese.

chiudi

Caricamento Player...

Tony Abbott, primo ministro australiano dal 2013, è stato rovesciato e quindi destituito dal suo ruolo con un voto interno sfavorevole (54 schede contrarie e 44 favorevoli). Per questo motivo i suoi (ex) cittadini lo hanno voluto omaggiare, in maniera molto ironica, appendendo alle porte delle proprie case dei sacchetti di cipolle.

Lo strano omaggio è iniziato da un hashtag su Twitter, ovvero PutOutYourOnions (“mettete fuori le vostre cipolle”), che è diventato molto popolare in Australia e a cui hanno fatto seguito un sacco di foto sul tema, con cipolle sugli zerbini, o appese alle maniglie delle porte, sulle scale ecc. Un doppio significato, visto che chi è alla porta… è fuori!

https://twitter.com/NadiaMcC/status/643318550258708480

Un singolare omaggio, dicevamo; ma perché proprio le cipolle?

Tutto è nato quando l’ormai ex primo ministro australiano Tony Abbott, durante un tour in Tasmania, ha incontrato degli agricoltori, che gli hanno mostrato i loro prodotti. Ebbene, il politico – come se nulla fosse – ha addentato una cipolla, senza neanche preoccuparsi di togliergli la parte esterna. Questo non ha potuto che suscitare grande stupore e soprattutto grande ilarità tra gli australiani.

Tra l’altro Abbott già in un’altra occasione aveva addentato un cipollotto, sempre durante un altro tour. Insomma, potremmo dire un “fan” delle cipolle, tanto che gli australiani hanno deciso di utilizzare proprio le cipolle come simboli per la sua “commemorazione” politica.

Il gesto di mettere fuori le cipolle è stato ispirato a due manifestazioni, serie, fatte in onore di un giocatore di cricket che morì prematuramente, ovvero Phillip Hughes, (la gente mise fuori le mazze da cricket), e di una giovane donna, Stephanie Scott, che morì poco prima di sposarsi (misero alla porta gli abiti da sposa).

Per la cronaca, al posto di Tony Abbott è stato designato come primo ministro Malcolm Turnbull.