In Germania niente stipendio ai non vaccinati in quarantena. La decisione è stata presa dal ministro della Salute.

BERLINO (GERMANIA) – In Germania niente stipendio ai non vaccinati in quarantena. Il ministro della Salute ha deciso di mettere in campo una stretta per provare ad aumentare le vaccinazioni. Quindi non ci sarà nessun sostegno, come previsto in un primo momento, al lavoratore costretto a stare a casa per il Covid.

Dubbi in Germania

La decisione presa dal ministro e della Salute e riportata dall’Ansa non sembra essere condivisa dalla maggior parte dei cittadini. Il timore, secondo quanto riferito dai media locali, è di proteste anche accese da parte delle persone che non si vogliono vaccinare. Sicuramente quella assunta dal governo tedesco è una decisione dura, ferrea, difficile da accettare per le persone contrarie alla vaccinazione. Lo scopo del governo è quello di dare un’ulteriore spinta alla campagna di vaccinazione, considerata come l’unica arma efficace contro l’emergenza sanitaria. E l’unica via per evitare nuove chiusure.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Angela Merkel
Angela Merkel

No all’obbligo vaccinale

In Germania non sembra essere all’ordine del giorno l’obbligo vaccinale. Il Governo, con l’intervento sulla quarantena e i lavoratori, spera di arrivare a quella immunità di gregge che potrebbe consentire di affrontare al meglio i prossimi mesi. Sicuramente i report dei primi giorni di ottobre saranno fondamentali per capire meglio l’andamento delle somministrazioni e poi prendere una decisione definitiva sulla possibilità di rendere obbligatoria la vaccinazione. Come in Italia, l’ipotesi di rendere obbligatoria la vaccinazione contro il Covid suscita preoccupazioni e malumori.

ultimo aggiornamento: 22-09-2021


Borse 22 settembre, Piazza Affari in forte rialzo

Impianti sciistici, firmato il protocollo: ecco come si torna a sciare