In Inghilterra riaprono pub, negozi e palestre dal 12 aprile. A maggio possibile via libera ai viaggi all’estero.

LONDRA (INGHILTERRA) – L’Inghilterra entra nella fase 2 della road map e riapre pub, negozi non essenziali e palestre dal 12 aprile. “Non vediamo – ha detto Johnson in conferenza stampa, riportato dall’Adnkronossegnali nei dati attuali per ritenere di dover deviare questo programma. Il 12 aprile andrò anche io in un pub e, con cautela ma senza tornare indietro, porterà una birra alla bocca. E’ solo attraverso la cautela e il monitoraggio quotidiano che speriamo di rendere irreversibile questa road map per la libertà“.

L’Inghilterra ‘vede’ la luce

La fase 2 della road map entrerà nel vivo dal 12 aprile. In quel giorno ritorneranno ad alzare la saracinesca i negozi non essenziali (tra cui i parrucchieri), i pub e le palestre all’aperto.

Il terzo passaggio di questo ritorno alla libertà è previsto per il mese di maggio. Il 17 dovrebbero ritornare a servire al tavolo anche all’interno i ristoranti e le pizzerie. Per quel periodo non si esclude la possibilità di autorizzare i viaggi all’estero. Boris Johnson sembra essere intenzionato ad attivare un sistema a semaforo per segnalare le zone più a rischio e quelle con minor possibilità di contrarre il virus. Nessuna decisione definitiva, però, è stata presa e nelle prossime settimane i dati verranno valutati per proseguire con il programma.

Boris Johnson
Boris Johnson

Il ‘sistema’ Inghilterra

L’Inghilterra dovrebbe essere il primo Paese europeo ad uscire dalla pandemia. Il cambio di passo è arrivato sicuramente dai vaccini. Boris Johnson, rispetto agli altri Stati ha deciso di spingere soprattutto con la prima dose e ritardare la seconda.

Un sistema che ha provocato molte polemiche a livello europeo, ma alla fine i numeri hanno dato ragione al premier inglese. La luce in fondo al tunnel è sempre più vicina e nei prossimi giorni si ritornerà ad una certa normalità.

ultimo aggiornamento: 05-04-2021


Nasce con l’intestino al posto del polmone, bimba operata a Torino

Incendio nello stabilimento di ArcelorMittal di Taranto. I sindacati: “Tragedia sfiorata”