In Thailandia con i bambini: cosa serve prima di partire

Organizzare un viaggio non è mai una passeggiata, specie se il tragitto è lungo e dobbiamo recarci in un paese fuori dalla comunità Europea. Ma non disperate, grazie ai nostri consigli saprete tutto ciò che vi occorre, anche se viaggiate con dei bambini.

chiudi

Caricamento Player...

La documentazione necessaria

Per entrare nel paese non è previsto l’utilizzo di un visto se il soggiorno non supera i trenta giorni e se il motivo del viaggio è puramente il turismo. Come documenti di riconoscimento sarà obbligatorio il passaporto e la carta d’identità per ogni singolo passeggero: anche in caso di viaggio in Thailandia con bambini, ormai dal 2012, devono avere necessariamente il passaporto personale e non possono più essere registrati su quello dei genitori.

Nel caso il bambino viaggi senza i genitori, sarà necessaria la Dichiarazione d’accompagno, da consegnare poi al tutore o alla compagnia aerea che si farà carico della responsabilità del bambino. In ogni caso, cercate di ottenerla in tempi brevi, visto che senza di essa il bambino non potrà lasciare il paese. Anche se farete il viaggio in Thailandia con neonato, la documentazione resterà la stessa.

Per approfondire il tema sui viaggio all’estero dei minorenni, vi consigliamo la lettura di questo articolo.

La situazione sanitaria

viaggio in thailandia con bambini
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/tempio-tempio-bianco-viaggio-asia-2608307/

Per organizzare al meglio un viaggio in Thailandia con bambini è bene conoscere la situazione sanitaria del paese. Da qualche tempo, ormai, è presente in Thailandia una specie di zanzara vettore della cosiddetta “febbre dengue”: contro questa malattia non esiste vaccino o profilassi, quindi non dovrete sottoporvi a nessuna vaccinazione prima di partire. In ogni caso, le autorità thailandesi consigliano di non soggiornare per più di cinque giorni entro le aree rurali del paese e di vestire sempre in modo da coprire la maggior parte del corpo e non essere esposti, specie di notte, alle punture delle zanzare utilizzando reti protettive e spray repellente.

Una sicurezza in più

Se temete per l’incolumità vostra e dei vostri bambini, potrete stipulare una polizza assicurativa che copra anche le spese mediche in caso di contrazione della malattia o in caso di infortuni generici. Molte compagnie assicurative offrono assistenza telefonica e sul web 24 ore al giorno, insieme ad una copertura completa (entro i massimali) di tutte le spese mediche che si vanno ad affrontare, persino le visite di controllo. Inoltre alcune di esse propongono la copertura per altre tipologie di danno o di imprevisto, che potranno essere comodamente scelte da voi visitandone il sito, effettuando un preventivo gratuito, oppure contattando telefonicamente.

Quali sono i posti più belli da vedere

Finito con la burocrazia, si inizia a viaggiare. E la Thailandia ha infinite bellezze da mostrare e da ammirare. Specie se fate un viaggio in Thailandia con bambini, i nostri consigli vanno tutti in un’unica direzione: Krabi. Questo è forse il posto che più è conosciuto se si parla di Thailandia: spiagge bianche, acque cristalline e un clima perfetto per la vostra giornata al mare non potranno che divertire i vostri figli. In ogni caso, un bel giro nella capitale Bangkok, è sempre opportuno e doveroso!

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/adulto-asia-sfondo-spiaggia-1807500/

Polizza Viaggio