Incendio in un appartamento a Milano. Morto un uomo di 62 anni. Un corto circuito potrebbe aver causato il rogo.

MILANO – Incendio in un appartamento a Milano nella notte tra il 13 e il 14 settembre 2020. Le fiamme sono divampate, come scritto da La Repubblica, in una casa popolare al quinto piano di un condominio.

L’allarme è scattato intorno alle 2 con i vigili del fuoco che sono arrivati immediatamente per spegnere il rogo. Per l’inquilino, un uomo di 62 anni, non c’è stato niente da fare. Il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Aperta un’indagine per accertare meglio la dinamica di questo incendio.

Incendio in un appartamento a Milano, indagini in corso

La Procura di Milano ha aperto un’indagine per accertare meglio la dinamica di questo incendio. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di un corto circuito.

In corso tutti i rilievi da parte dei vigili del fuoco per confermare la pista del tragico incidente. Il magistrato potrebbe nelle prossime ore affidare l’autopsia sul corpo dell’uomo al medico legale per capire le cause della morte. Una tragedia avvenuta in una casa popolare di Milano con un uomo di 62 anni che ha perso la vita nell’appartamento.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Due persone ferite in un secondo incendio

Un altro incendio si era verificato in via Giuseppe Broggi. Le fiamme sono divampate intorno a mezzanotte con gli inquilini che sono stati trasportati in ospedale in codice giallo. Nessuno sarebbe in pericolo di vita.

Una donna di 34 anni è arrivata al Fatebenfratelli con una ferita al volto e con problemi di respirazione per aver inalato i fumi sprigionati dall’incendio. Ustione di primo grado ad un mano per un 30enne. Aperta un’indagine per cercare di accertare meglio quanto successo in questo appartamento. Rilievi che serviranno a capire le cause dell’incendio che è scoppiato all’interno dell’appartamento di via Giuseppe Broggi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca incendio incendio milano vigili del fuoco

ultimo aggiornamento: 14-09-2020


Oms, no al saluto con il gomito: “Meglio mettersi la mano sul cuore”

Codacons, “Alla base dell’omicidio di Colleferro vi sono anche i modelli sbagliati proposti dai social network”