Nuovo incendio a Beirut, fiamme alte nella zona del porto. Non ci sono vittime e non c’è rischio esplosioni.

Torna la paura a Beirut per un nuovo vasto incendio divampato nella zona del porto, la stessa interessata dalla violentissima esplosione dello scorso 4 agosto.

Esplosione a Beirut
Esplosione a Beirut

Beirut, nuovo incendio nella zona del porto

L’incendio è divampato in un magazzino all’interno del quale sono staccati barili di olio. Le fiamme hanno poi avvolto un secondo magazzino, che contiene pneumatici. Parliamo di due prodotti altamente infiammabili. Così si spiegano le fiamme alte che in pochi minuti hanno interessato la zona.

Immediato l’intervento da parte degli uomini delle forze dell’ordine e dei soccorritori che hanno messo in sicurezza la zona interessata dal rogo.

La buona notizia arriva dal direttore del porto, che ha fatto sapere che non ci sono rischi legati a possibili esplosioni.

le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato in un primo momento per delimitare il perimetro dell’incendio ed evitare quindi che le fiamme avanzassero nella zona, mettendo a repentaglio la sicurezza delle persone.

Vigili del fuoco
Vigili del fuoco

Il bilancio

Il bilancio fortunatamente non presenta vittime o feriti gravi. Alcune persone avrebbero accusato problemi respiratori ma non si registrano casi preoccupanti.

Le cause dell’incendio

Restano da chiarire le cause dell’incendio che, comprensibilmente, ha seminato il panico tra la popolazione, che ha impresse nella memoria le immagini della drammatica esplosione dello scorso 4 agosto. Una tragedia circondata ancora da tanti punti interrogativi.

L’unica certezza, purtroppo, è quella dei numeri di quel maledetto 4 agosto. Nell’esplosione sarebbero rimaste uccise 192 persone, mentre i feriti sarebbero stati più di seimila.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
beirut cronaca esplosione a beirut incendio a beirut Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 10-09-2020


Caronia, nuovi indizi nell’auto di Viviana Parisi

Kevin Spacey denunciato per molestie sessuali