Incendio sul tetto della Coop di Ponte a Greve, Firenze. Le operazioni dei vigili del fuoco sono andate avanti per tutta la notte.

Un vasto incendio è divampato nella giornata del 3 giugno sul tetto della Coop di Ponte a Greve, in Provincia di Firenze. Quando sono divampate le fiamme, nella struttura c’erano circa trecento persone, immediatamente evacuate.

Di seguito il tweet pubblicato sul profilo ufficiale dei Vigili del Fuoco.

Incendio sul tetto della Coop di Ponte a Greve

L’incendio è divampato nella giornata del 3 giugno e ha interessato il tetto della Coop di Ponte a Greve, Firenze. Stando alle prime informazioni raccolte, proprio sul tetto erano in corso dei lavori. L’incendio sarebbe stato alimentato dal catrame utilizzato proprio per i lavori stessi. La densa colonna di fumo nero è stata avvistata a diversi chilometri di distanza dal luogo dell’incendio. Le trecento persone circa che si trovavano nel centro sono state evacuate. Fortunatamente non si registrano feriti. Nella serata del 3 giugno le autorità hanno invitato i residenti della zona a tenere le finestre chiuse e a non avvicinarsi al luogo dell’incendio.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

L’intervento dei vigili del fuoco

Immediato l’intervento dei vigili dei fuoco che hanno lavorato tutta la notte per domare le fiamme. In un primo momento è stato circoscritto il perimetro dell’incendio, poi sono state spente le fiamme. L’incendio non ha interessato il punto vendita, ha specificato la direzione con una nota pubblicata sui canali ufficiali.

Nel comunicato si legge che l’incendio “è scaturito durante dei lavori di impermeabilizzazione del tetto. Le fiamme, viene precisato, non hanno interessato il punto vendita, che è comunque stato evacuato in via precauzionale. L’incendio è adesso sotto controllo grazie all’intervento dei vigili del fuoco di Firenze, con il supporto dei comandi di Prato e Pistoia“.


Donna di 43 anni morta dopo vaccino con AstraZeneca. Il compagno assicura: Non aveva problemi di salute

Covid, “L’immunità dopo il vaccino potrebbe durare tutta la vita”. Cosa dicono gli studi