Maxi-incendio a San Giovanni Rotondo. Le fiamme hanno distrutto 33 mezzi per la raccolta dei rifiuti. Non si registrano feriti.

SAN GIOVANNI ROTONDO (FOGGIA) – Maxi-incendio a San Giovanni Rotondo nella notte tra il 29 e il 30 luglio 2019. Le fiamme hanno distrutto 33 mezzi per la raccolta dei rifiuti. Fortunatamente al momento del rogo non c’erano persone presenti e per questo non sono stati registrati feriti. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta per capire se si è trattato di un incidente oppure un atto doloso.

L’incendio

L’incendio è divampato nella notte di martedì 30 luglio 2019. I 33 mezzi erano parcheggiati in un deposito comunale. Fortunatamente erano vuoti e per questo il Comune ha rassicurato sulla salute pubblica. Nessuna persona è rimasta coinvolta in questo rogo.

Preoccupazione da parte del sindaco, Michele Crisetti, che è pronto ad incontrare la società per scongiurare una eventuale emergenza: “Ora il nostro obiettivo è quello di garantire la continuità del servizio di raccolta rifiuti per non mettere a rischio la salute pubblica“.

Vigili del fuoco
Vigili del fuoco

Le indagini

Gli inquirenti sembrano escludere un banale incidente e per questo indagano su un possibile rogo di natura dolosa. Al centro dell’inchiesta la nuova gara di appalto per il servizio di raccolta rifiuti solidi urbani per due anni.

Le ditte che hanno risposto sono la Tekra e una società di Altamura. Secondo la Procura l’incendio potrebbe essere legato a questa vicenda ma prima di fare un’ipotesi più precisa si vuole aspettare la fine dei primi controlli. Al vaglio dei militari i filmati delle telecamere di sicurezza presenti in zona. Si spera che con i video si riesce a risalire all’identità delle persone che hanno appiccato l’incendio. Nelle prossime settimane si proverà a risolvere il caso anche se l’attenzione resta molto alta in tutta la zona.

Non sono da escludere altri eventi simili. E questa volta i danni potrebbero essere peggiori di quanto successo oggi.


Inferno a Bologna: scontro tra due tir in Tangenziale

Migranti, aperto un fascicolo sulla Gregoretti