Roberta Santaniello indagata nell’inchiesta sugli ospedali Covid in Campania. Si tratta del quarto soggetto coinvolto nella vicenda.

Sale a quattro il numero degli indagati nell’inchiesta sugli ospedali Covid in Campania. Il quarto nome, dopo quello Ciro Verdoliva, Luca Cascone e Corrado Cuccurullo, è quello di Roberta Santaniello, dirigente dell’ufficio di gabinetto della Giunta regionale della Campania.

Campania, l’inchiesta sugli ospedali Covid

L’inchiesta interessa le gare della Soresa. Si tratta della Società Regionale per la Sanità che si occupa sostanzialmente degli acquisti per enti sanitari. Gli inquirenti indagano sulle operazioni avvenute nel corso dei mesi duri dell’emergenza coronavirus e indagano per il reato di turbativa d’asta.

Nel mirino degli inquirenti ci sono la gara dal valore di quindici milioni della Soresa nei giorni del picco della pandemia. La gara in questione, che si è svolta con la procedura di massima urgenza alla luce dell’emergenza coronavirus, era andata alla Med.

Gli ospedali Covid in questione sono gli edifici prefabbricati a Napoli, Salerno e Caserta destinati alla cura dei pazienti positivi al coronavirus.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

Indagata Roberta Santaniello, è il quarto nome nel registro degli indagati

Sul registro degli indagati ci sono, come ricordato dall’Ansa, il dirigente dell’Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva, il consigliere regionale Luca Cascone e il presidente della Soresa, Claudio Cuccurullo. L’ultimo nome, in ordine di tempo, iscritto nel registro degli indagati è quello di Roberta Santaniello, dirigente dell’ufficio di gabinetto della Giunta regionale della Campania. Alla donna sono stati sequestrati il telefono cellulare e computer. I reati ipotizzati sono quelli di concorso in turbativa d’asta e frode in pubbliche forniture.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Campania coronavirus cronaca evidenza

ultimo aggiornamento: 04-08-2020


Inaugurato il nuovo Ponte di Genova (VIDEO). Conte: “La città riparte”

Omicidio via Poma, legale famiglia Cesaroni: “Indagine si può riaprire ma serve un segnale dalla Procura”