Piccolo incidente d’auto per Mario Draghi. Una delle macchine della sua scorta ha tamponato una vettura.

ROMA – Piccolo incidente d’auto per Mario Draghi. Come evidenziato sui social dalla pagina Welcome to Favelas, una delle auto del presidente del Consiglio ha tamponato una Lancia Y. Il primo a scendere in strada per valutare il danno e scusarsi con l’automobilista è stato proprio il primo ministro italiano.

Una foto diventata virale e destinata ad essere uno dei simbolo dell’avventura dell’ex governatore della Banca d’Italia a Palazzo Chigi. Non è cosa di tutti i giorni, infatti, che un presidente del Consiglio scenda dalla sua macchina per scusarsi con il proprietario dell’auto tamponata.

L’incidente

L’incidente fortunatamente non ha procurato particolari danni. Non è chiaro il luogo e la ricostruzione del tamponamento. Secondo l’unica immagine a disposizione, si vede la vettura della scorta del premier Draghi che si scontra con la Lancia Y.

Molto probabilmente si è trattato di una piccola distrazione da parte del conducente della macchina, ma non è chiaro quanto successo. Resta il massimo riserbo da parte di Palazzo Chigi su quanto successo e non si esclude un commento da parte dello stesso premier nella prossima conferenza stampa. Il presidente del Consiglio è sceso dalla vettura in prima persona per scusarsi con il conducente della vettura tamponata.

Mario Draghi
Mario Draghi

Settimana decisiva per il premier Draghi

Una settimana ‘cruciale’ per il premier Draghi quella che si è aperta in queste ore. Palazzo Chigi ha in programma due Consigli dei ministri per approvare sia il decreto legge dedicato alle riaperture che il Recovery Plan. Si tratta di un passaggio fondamentale sia per un ritorno graduale alla normalità che rilanciare l’economia.

Dopo un anno molto complicato, l’Italia inizia a vedere la luce e i prossimi mesi saranno anche decisivi per la ripartenza dell’intero Paese.


Beppe Grillo difende il figlio: “Non è uno stupratore, arrestate anche me”. Scoppia la polemica, il caso arriva alla Camera.

Grillo in difesa del figlio, scoppia la polemica. Conte: “Capisco Beppe, ma non trascurare il dolore della ragazza”