Un autobus si è schiantato contro un muro vicino a Zurigo: il bilancio è di un morto e di 44 feriti. Il mezzo era partito da Genova.

ZURIGO (SVIZZERA) – Era diretto a Düsseldorf l’autobus che si è schiantato contro un muro vicino a Zurigo. Il bilancio – riferito dall’agenzia elvetica Keyston-Ats che cita la polizia – è di un morto e 44 feriti ma non si sa molto delle loro reali condizioni.

Le cause dell’incidente che ha coinvolto il mezzo – partito da Genova – non sono ancora note. Nei prossimi giorni verranno effettuate analisi approfondite sul veicolo per capire se si è trattato di un guasto meccanico oppure di un errore del conducente.

Zurigo, autobus si schianta contro un muro: morta una donna

Secondo una prima ricostruzione effettuata dagli inquirenti, l’autobus – partito da Genova e diretto a Düsseldorf – intorno alle 4:15 prima ha perso il controllo e poi si è schiantato contro il muro. Immediato l’allarme con i soccorsi che sono riusciti a salvare ben 44 persone (tre in condizioni gravi tra cui l’autista n.d.r.) mentre per una donna non c’era più niente da fare. L’identità della vittima è stata svelata dopo qualche ora: si tratta di una donna italiana.

L’incidente è avvenuto sull’autostrada A3 tra Brunau e Wiedikon. Il traffico è stato immediatamente bloccato in entrambe le direzioni per permettere ai soccorritori e agli inquirenti di effettuare i rilievi e i primi aiuti ai feriti. La situazione sembra che stia tornando alla normalità.

Ancora non sono chiare le cause che hanno portato a questa tragedia. Nella notte sulle Alpi sono caduti i primi fiocchi di neve che potrebbero aver contribuito allo sbandamento dell’autobus ma nelle prossime ore gli inquirenti ascolteranno il conducente ed effettueranno tutti i controlli necessari per capire la dinamica di un incidente che per il momento ha molti punti oscuri.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri flixbus svizzera Zurigo

ultimo aggiornamento: 16-12-2018


Juncker-May, che litigata davanti alle telecamere!

Giappone, esplosione in un ristorante a Sapporo